Siciliani e Sicilianità- il “rito della chiave” nel giorno in cui si festeggiano i santi Pietro e Paolo

Siciliani e Sicilianità- il “rito della chiave” nel giorno in cui si festeggiano i santi Pietro e Paolo

Posizione della chiave durante il rito

La devozione popolare contadina ha sempre cercato aiuto e consiglio presso i Santi, mediante arcani “rituali” atti a proteggere o prevedere il futuro della propria famiglia. Nel giorno in cui la Chiesa festeggia i santi Pietro e Paolo, il 29 giugno, si svolgeva un antichissimo rituale diffuso in molte zone d’Italia, ma in particolare al Sud, conosciuto come il “rito della chiave”. Questo rito era usato per sapere se una tal cosa sarebbe realmente accaduta in futuro.

Due persone, poste una di fronte all’altra, tenevano sospesa, appoggiata solamente sui polpastrelli dei rispettivi indici della mano destra, una chiave mascolina, ossia una vecchia chiave di ferro priva di foro nella parte finale. Appena la chiave era sistemata, iniziavano a recitare per tre volte una breve formula, chiedendo alla fine la richiesta desiderata.

Riportiamo una delle tante versioni:

“San Pitru si, san Paulu no.

San Pitru no, san Paulu si

M’ha cunciditi sta razia sì, o no?”

e  mentalmente si pronunziava la richiesta. Il rito terminava con la recita di un Pater nostro e un’Ave Maria. Se la chiave iniziava a muoversi, girando tra le dita, la risposta era “sì”. Se rimaneva ferma significava “no”. Il simbolismo è chiaro: quando al chiave si muove vuol dire che apre, che da l’accesso a qualcosa, in questo caso alla grazia richiesta. Se sta ferma, invece, non produce cambiamento.

Secondo alcune ricerche da me condotte, questo rito si svolgeva anche a Barrafranca (EN), non solo per la festa di san Pietro e Paolo, anche per la festa di san Giovanni Battista, il 24 giugno, invocando al posto di san Paolo San Giovanni (la cui figura è spesso legata alla magia popolare). Chi non era capace, poteva recarsi da una “guaritrice di campagna” o veggente la quale avrebbe svolto lei stessa il rito. Perchè proprio la chiave? Essa è il simbolo della speciale missione apostolica di Pietro e del potere conferitogli direttamente da Gesù. Il simbolismo della chiave è legato anche al mistero, alla conoscenza e all’iniziazione. Mistero che può essere rivelato, conoscenza di ciò che è nascosto ed iniziazione ad una nuova fase di vita grazie al potere della chiave. Quindi nell’immaginario popolare le vecchie chiavi di ferro che chiudevano le toppe delle case, assunsero un valore magico, profetico, di aiuto al raggiungimento del benessere famigliare. In alcuni casi le chiavi ebbero un valore apotropaico e venivano appese nelle case e nelle stalle come deterrente agli influssi di spiriti maligni.

(La foto è solo indicativa, in quanto la chiave non è mascolina.)

Rita Bevilacqua

 

Previous PIETRAPERZIA. Il M5S risponde al comunicato della consigliera comunale Rosalba Arcadipane.
Next PIETRAPERZIA. Approvato all’unanimità dal consiglio comunale il regolamento definizione debiti nei confronti del Comune.