Italia/Ucraina: Chinnici, Giaconia e Maraventano, “ I beni e viveri raccolti alla Fiera del Mediterraneo rischiano di perdersi. Necessario Tir per trasportarli

La generosità dei siciliani non ha limiti e lo dimostra l’enorme quantità di viveri e beni di prima necessità che dovrebbero raggiungere i centri di prima accoglienza allestiti per i profughi, ai confini con l’Ucraina. Quanto raccolto ora si trova nel padiglione 24 della Fiera del Mediterraneo, dove operano i volontari del R.O.E., E.R.A., AssoFante della Protezione Civile Palermo, con il prezioso contributo di tantissime Organizzazioni di Volontariato ed Enti del Terzo Settore provenienti da tutta la Sicilia.

Padiglione, reso disponibile grazie alle sollecitazioni del Presidente della VI Circoscrizione, Michele Maraventano, e dei consiglieri  comunali di “Avanti Insieme”, Valentina Chinnici e Massimo Giaconia,  collaborati dal Comitato Educativo della VI Circoscrizione, coordinato dall’arch. Rossella Giletto e dalla prof.ssa Valentina Genova, in stretta collaborazione con il Responsabile R.O.E Sicilia, Emilio Pomo, in coordinamento con le altre OdV di Protezione Civile e associazioni del Terzo Settore.

Grande impegno, ottimo risultato che ora rischia di vanificare gli sforzi perché manca il mezzo per portare i beni da Palermo a Przemysl – Polonia dove è stato allestito il “Villaggio Italia”.

«Rischiamo di fare deperire e perdere quanto i siciliani hanno donato e continuano a donare per la popolazione dell’Ucraina – affermano Valentina Chinnici, Massimo Giaconia e Michele Maraventano – perché il Tir che dovrebbe effettuare questo viaggio costa 2.500 €, somma di cui non disponiamo. Chiediamo, quindi, un piccolo contributo economico da parte di chi può e vuole farlo per concretizzare la solidarietà per la popolazione dell’Ucraina».

Numerose le persone che hanno contribuito alla raccolta, che ha avuto inizio in VI Circoscrizione. Data l’emergenza, sono stati messi immediatamente e provvisoriamente i locali della Parrocchia Mater Ecclesiae di Piazza S. Marino, la stanza del Presidente della VI Circoscrizione e i locali del Liceo Scientifico Statale Galilei. Grazie alle trasmissioni settimanali sul canale televisivo regionale

Tele One, condotte dal Giornalista Marco Roberto Oddo, i collegamenti in diretta con i centri di raccolta allestiti da R.O.E. nelle sedi di Palermo e Polonia, la notizia della raccolta di beni di prima necessità, si è diffusa in tutta la Sicilia, ricevendo sempre più consensi. Anche il Console Onorario della Polonia, Dott. Davide Farina, si è reso disponibile a collaborare e a contribuire alla raccolta di beni di prima necessità, anche con il reperimento di un Tir con rimorchio, per il trasferimento in Polonia di quanto raccolto dal R.O.E..

«Certi che il cuore dei siciliani è grande – aggiungono Chinnici, Giaconia e Maraventano – ci rivolgiamo anche al Sindaco della Città Metropolitana di Palermo e al Presidente della Regione Siciliana affinchè vengano messi a disposizione altri locali per contenere tutti beni di prima necessità, che giungono ormai da tutta la Sicilia, pensando a mezzi di trasporto per il trasferimento degli stessi nei centri di prima accoglienza allestiti per i profughi, che si trovano ai confini con l’Ucraina».

Per qualunque informazione su quanto si sta muovendo su questo fronte, si può contattare Emilio Pomo, responsabile R.O.E. Sicilia, al cell. 331.4148588.

Le coordinate bancarie per effettuare il bonifico, invece, sono le seguenti:

Beneficiario: Raggruppamento Operativo Emergenze

BANCA ETICA

IBAN IT58D0501803200000012229621

Causale: Missione Ucraina

Previous Rocca di Cerere Geopark: riconfermato il riconoscimento UNESCO
Next PIETRAPERZIA. Abbonamenti studenti pendolari. Un ulteriore incontro per risolvere la problematica.