Villa Zito a Palermo ospita la mostra “Guttuso. La forza delle cose”

Villa Zito a Palermo ospita la mostra “Guttuso. La forza delle cose”

- in Arte Mostre Musei, Sicilia
Renato Guttuso Un angolo dello studio di via Pompeo Magno 1941-42, Olio su tela cm 79×64,5, Udine, Casa Cavazzini Museo d’Arte Moderna e Contemporanea © Renato Guttuso by SIAE 2016
Renato Guttuso Angurie, 1986 Olio su tela, cm 90×100 Busto Arsizio, collezione privata © Renato Guttuso by SIAE 2016

In occasione dei venticinque anni dalla nascita della Fondazione Sicilia, la stessa Fondazione con Sicily Art & Culture e in collaborazione con gli Archivi Guttuso e il Comune di Pavia – Assessorato alla Cultura e Turismo, promuove un’ importante mostra dal titolo “Guttuso. La forza delle cose”. Dal 22 dicembre 2016 al 26 marzo 2017 nelle sale di Villa Zito, sita in viale Libertà a Palermo, sono esposte 47 nature morte, genere che Renato Guttuso ha praticato nell’intero arco della sua attività e che costituiscono, dalla fine degli anni Trenta, una componente essenziale della sua produzione. La mostra è curata da Fabio Carapezza Guttuso e Susanna Zatti, direttrice dei Musei Civici di Pavia.
Il progetto espositivo è nato da una preziosa collaborazione tra i Musei Civici di Pavia con gli Archivi Guttuso da cui la realizzazione della prima tappa della mostra, da settembre a dicembre 2016, ospitata presso le Scuderie del Castello Visconteo di Pavia. La mostra si avvale inoltre del patrocinio della Regione Sicilia, dell’Assemblea Regionale Siciliana e dell’Assessorato alla cultura della Città di Palermo.
Le opere esposte provengono da prestigiose sedi espositive tra le quali il MART Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, la Fondazione Magnani Rocca, i Civici Musei di Udine, il Museo Guttuso, la Fondazione Pellin e alcune importanti collezioni private e offrono al pubblico una prospettiva inedita e di grande fascino sul percorso artistico del maestro siciliano, studiando la forza delle cose rappresentata nelle opere.  La mostra presenta opere degli anni Trenta e degli anni Quaranta, che documentano l’impegno dell’artista a testimoniare la drammatica condizione esistenziale, imposta dalla dittatura e dalla tragedia della guerra. Nel dopoguerra, con Finestra (1947) o Bottiglia e barattolo (1948), il crescente interesse verso la sintesi post-cubista picassiana rivela il profondo impegno dell’artista nel recupero della cultura artistica europea per arrivare, negli anni Sessanta, a una nuova fase che rivela una dimensione più meditativa, derivante anche dalla elaborazione, nei suoi scritti, dei temi del realismo e dell’informale, visibile ne Il Cestello (1959), La Ciotola (1960) e Natura morta con fornello elettrico (1961).L’esposizione si conclude con una selezione di dipinti della fine degli anni Settanta-inizio anni Ottanta, periodo in cui la continua ricerca del reale di Guttuso si accentua per dare vita a celebri dipinti come Cimitero di macchine (1978), Teschio e cravatte, Bucranio, mandibola e pescecane (1984) che diventano metafore e allegorie del reale.

Rita Bevilacqua

You may also like

LA POLIZIA DI STATO DI ENNA ONORA IL RICORDO DEL VICE QUESTORE DR GIORGIO BORIS GIULIANO

Nella mattinata di oggi, 21 luglio 2024, la