GDF CATANIA. Arrestato Falso Finanziere a Paternò. Identificato e denunciato dalle vere Fiamme Gialle.

GDF CATANIA. Arrestato Falso Finanziere a Paternò. Identificato e denunciato dalle vere Fiamme Gialle.

- in Sicilia

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, nei giorni scorsi, hanno tratto in

arresto, a Paternò, un pluripregiudicato, disoccupato, che presso vari esercizi commerciali si qualificava falsamente come maresciallo della Guardia di Finanza. L’uomo, infatti, millantava presso le attività d’impresa in cui si recava di essere un appartenente al Corpo e, ottenuta la fiducia dei commercianti, a cui prospettava anche compiti di vigilanza e controllo, ritirava la merce senza corrispettivo, fingendo di rimandare il pagamento a data successiva. Tuttavia, le attività d’indagine espletate dai (veri) finanzieri della Compagnia di Paternò hanno consentito, dopo una minuziosa attività info-investigativa e pedinamenti, di cogliere il falso appartenente al Corpo proprio nel momento in cui, nei pressi di un ottico paternese, usciva dal negozio con un paio di occhiali in mano presi indebitamente. Mentre tentava di dileguarsi per le vie del paese, l’improbabile “maresciallo” è stato raggiunto e condotto negli uffici della Guardia di Finanza. L’esercente, confermando i fatti, denunciava l’accaduto agli “effettivi” finanzieri. Inoltre, i militari delle Fiamme Gialle etnee nel corso delle investigazioni hanno constatato come il sedicente finanziere avesse adottato lo stesso schema criminale presso ulteriori quattro attività economiche. Il responsabile, un 56enne nato a Catania e residente in provincia di Enna, è stato quindi tratto in arresto in flagranza di reato e deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di usurpazione di funzione pubbliche, sostituzione di persona e truffa. Nel processo per direttissima il giudice del dibattimento ha convalidato l’arresto. L’attività svolta si inquadra tra i servizi svolti dal Corpo a tutela dei cittadini e delle attività economiche. In caso di dubbi relativi ad eventuali falsi appartenenti al Corpo, potrà essere sempre contattato il numero di pubblica utilità “117”. Per le condotte illecite al vaglio della competente A.G., – Autorità Giudiziaria – sulla base del principio di presunzione di innocenza, la colpevolezza delle persone sottoposte ad indagine sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna. GAETANO MILINO

You may also like

Presentazione delle attività dell’IRCCS Oasi alla ministra per le Disabilità

n occasione della visita della ministra per le