I “campioni” della Barrese del campionato provinciale giocheranno la fase regionale per contendersi la 1 edizione della Coppa Giovanile Provinciale

I “campioni” della Barrese del campionato provinciale giocheranno la fase regionale per contendersi la 1 edizione della Coppa Giovanile Provinciale

La Figc qualche giorno fa ha comunicato i tre concentramenti dei gironi con i luoghi e le date in cui verranno disputate le gare. Domani si sapranno i risultati dei primi due concentramenti e gia si conosceranno le prime due che si qualificheranno per la finalissima mentre l’ultima società (Girone C dove è presente anche la società della Barrese) si conoscerà martedì pomeriggio data in cui si svolgerà la fase a San Cataldo.
Le migliori squadre a livello provinciale della categoria giovanissimi dove ci sarà anche la Barrese di mister Valerio Sansone, daranno vita alla prima edizione Coppa Giovanile Provinciale. Saranno nove le società delle nove province dell’isola che sono risultati ne propri gironi le vincenti dei rispettivi campionati provinciali a darsi battaglia nei tre raggruppamenti: nel GIRONE A fa parte il CATANIA ( ASD CLAN DEI RAGAZZI), RAGUSA (A.S.D. GAME SPORT RAGUSA) e SIRACUSA (ASD FAIR PLAY L’ULIVETO ) e si disputerà a Scordia oggi 14 giugno con incontri di 45’ alle ore 9,45-10,30-11,15. Poi il GIRONE B formato da PALERMO (ASD Fortitudo Bagheria), TRAPANI (ASD AURORA MAZARA) e MESSINA (ACD FOLGORE) che si disputeranno a Castellamare del Golfo anche oggi 14 giugno con orari delle gare nel pomeriggio alle ore 16,00- 16,45 – 17,30. Infine il terzo concentramento GIRONE C si svolgerà martedì, 16 giugno, a San Cataldo (ore 16,00- 16,45 – 17,30) dove si affronteranno le società di AGRIGENTO (ASD FAVARA ACADEMY), ENNA (ASD BARRESE) e CALTANISSETTA (Don Bosco Mussomeli).

Previous Il treno storico della 7ª Giornata Nazionale sulle Miniere in provincia di Agrigento
Next Il vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò (delegato regionale della Cesi per le comunicazioni sociali e la cultura ) incontra i giornalisti e parla di San Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco utili ad una "deontologia della comunicazione più umanizzante".