Non chiamatemi matta, il nuovo libro di Liliana Cannavò.  Un romanzo-viaggio nella psicologia e lo stigma della follia

Non chiamatemi matta, il nuovo libro di Liliana Cannavò. Un romanzo-viaggio nella psicologia e lo stigma della follia

Il libro sarà presentato giovedì 14 luglio alle ore 20.00 presso l’hotel Nettuno di Catania

«La verità è che purtroppo il manicomio, la follia, la camicia di forza, i matti pericolosi, incurabili e imprevedibili, esistono ancora, e vivono tra di noi, nelle nostre teste spesso piene di pregiudizi. Lo stigma e la discriminazione sulla malattia mentale oggi sono ovunque: tra grandi e piccoli, edotti e ignoranti, nelle famiglie, nelle strade, nei locali, nelle scuole. [..] Finché nelle nostre teste ci saranno ‘matti da legare o matti da evitare’ il mondo della disabilità mentale ci farà inutilmente paura». (Liliana Cannavò)

Non è vero che in Italia i manicomi non esistano più. Se quelli in mattoni e cemento – per fortuna – sono stati superati negli anni Settanta grazie alla legge Basaglia, altri sopravvivono tra pareti che non si possono abbattere, quelle dell’ignoranza e del pregiudizio. È il messaggio che la psicologa e psicoterapeuta catanese, Liliana Cannavò, affida al libro Non chiamatemi matta, edito da Bonfirarro, in libreria e negli store online a partire dal 15 luglio.

Il libro sarà presentato giovedì 14 luglio alle ore 20.00 presso l’hotel Nettuno di Catania. Insieme all’autrice Liliana Cannavò interverranno l’editore Salvo Bonfirraro e la giornalista Maria Torrisi, e sarà ascoltata la testimonianza di Cristina. A moderare l’incontro il giornalista Valerio Musumeci.

Il volume affronta con forza e delicatezza il tema del disagio mentale, attraverso la storia di Adelina Parodi, una donna alle prese con un disturbo bipolare che agli occhi aridi e impreparati della società si trasformerà in una – inesistente – forma di pazzia.

Un pregiudizio che non è purtroppo soltanto narrativo. Come Cannavò mette in chiaro sin dalle prime pagine, in molte realtà il disagio mentale è considerato ancora oggi «un marchio di vergogna e disgrazia che porta a escludere l’individuo dai contesti sociali». Uno stigma, per usare un termine caro alla psicologia, che scandisce l’intero percorso di vita di Adelina, alle prese con situazioni complicate e spaventata dal giudizio degli altri, e sopratutto dalla prospettiva di ritrovarsi ai margini della società – condannata dalle definizioni crudeli che ha imparato a conoscere. «Lei per tutti era solo la bipolare, o “la matta del secondo piano” o peggio ancora “l’esaurita”. In altre parole, quella da compatire, assecondare, e affidare alle mani di Dio per la sua salvezza. Uno stigma terrificante, il solo e l’unico capace di toglierle la gioia di vivere, e trasformarla in una cerbiatta impotente».

La protagonista – il cui vero nome è Ione, che l’autrice accosta alla depressione, mentre il nome d’adozione Adelina è associato all’adrenalina, a dimostrare come la bipolarità possa essere, talvolta, un destino – si troverà a vivere molteplici situazioni, su tutte l’amore travolgente per un uomo musulmano, le cui sensazioni scorrono magistralmente dalla penna di Cannavò. Dopo non poche traversie, legate proprio alla condizione psicologica della protagonista e al contesto in cui si muove, la storia approderà a un epilogo felice. Frutto della sfida vinta con i propri demoni e una società gretta e perbenista, grazie al coraggio che ricorre lungo tutto il libro come un’esortazione alla speranza e alla possibilità di costruire un futuro migliore, nonostante tutto e tutti. E nonostante le proprie difficoltà, che solo attraverso la consapevolezza di sé – e la vicinanza di persone care, impermeabili ai pregiudizi – possono essere superate.

«L’esperienza vissuta da tutto il mondo negli ultimi due anni ha accresciuto la sensibilità nei confronti dei problemi della mente e l’urgenza di testi che aiutino ad affrontarli», dice l’editore Salvo Bonfirraro. «Da questo punto di vista, il contributo di una professionista come Liliana Cannavò è particolarmente importante, perché avvicina una disciplina a lungo appannaggio di pochi eletti alla coscienza collettiva. Il tutto attraverso una scrittura limpida ma ricca di sfumature, capace di restituire la complessità dei sentimenti dei protagonisti, che rimarranno nel cuore dei lettori».

L’AUTRICE

Liliana Cannavò. Di origini siciliane. Vive a Catania dove, dal 2000, lavora come psicologa/psicoterapeuta nell’ambito della salute mentale.

Ama viaggiare, non da turista ma da “esploratrice degli animi umani”. Ha conversato tra le dune del deserto marocchino con berberi e viandanti, incontrato monaci buddisti in Thailandia, e parlato di amore e fedeltà con il capo tribù di un’isola dei Caraibi. Dalle sue numerose esperienze di viaggio ha tratto interessanti spunti per i suoi romanzi. La scrittura è arrivata per caso alcuni anni fa come antistress e per combattere una frequente emicrania. Ha cominciato a scrivere prima dei suoi viaggi e dopo di storie bizzarre tratte dalla pratica clinica.

L’amante della sposaè il primo romanzo che ha tirato fuori dal cassetto dei suoi piccoli “tesori” pubblicato da Harper Collins Italia.

Il suo motto di vita è: “Vivi e lascia vivere”.

BONFIRRARO EDITORE:

“La nostra storia è il futuro verso cui ci avviamo…”: questa la massima sposata dall’editore Salvo Bonfirraro, che ama guardare lontano, assecondando la sua innata e incondizionata curiosità, trasmessa anche al figlio Alberto, responsabile del settore marketing dell’azienda. Ogni volume narrativa, poesia, saggistica, storia, letteratura straniera pubblicato da questa casa editrice indipendente racchiude una scoperta, un’idea, un nuovo modo di guardare e valutare il mondo e il nostro tempo.

Il catalogo dell’editore può essere consultato in tutte le librerie d’Italia, negli store on-line e sul proprio sito http://www.bonfirraroeditore.it/

SCHEDA LIBRO

Titolo: Non chiamatemi matta
Autore: Liliana Cannavò
Editore: Bonfirraro editore
Pagine: 272
Formato: 14,5 x21 cm
Isbn: 9788862722858
Prezzo: 20,00 €

Contatti
Bonfirraro editore – ufficio stampa
Tel. 0934 464646 – stampa@bonfirraroeditore.it

Previous GDF PALERMO. Ipotizzata truffa in danno dell’Inps da parte di un dipendente. Sequestrate disponibilità finanziarie per 96 mila euro.
Next MILANO. Bouquet il primo album del Barrese ETTO.