I Carabinieri donano dei libri sull’Arma alle scuole di Barrafranca e Pietraperzia.

Nell’ambito del progetto sulla “cultura della legalità” il Comando Provinciale di Enna, guidato dal Colonnello Angelo Franchi, ha donato in questi giorni alcuni libri editi dall’Arma dei Carabinieri ai ragazzi di alcune scuole di Barrafranca e Pietraperzia. L’iniziativa, a cui hanno aderito i Circoli didattici “Don Bosco” ed “Europa” e il Liceo Scientifico “Giovanni Falcone” di Barrafranca e l’Istituto Comprensivo “Vincenzo Guarnaccia” di Pietraperzia, è stato un importante momento di condivisione dei valori dell’Istituzione con i giovani studenti e rientra nell’importante opera di vicinanza alla cittadinanza, anche attraverso una sempre maggiore partecipazione ad iniziative ritenute strategiche per riaffermare la presenza dell’Arma da anni impegnata non solo nell’attività di contrasto all’illegalità ma anche nel recupero sociale. Una vicinanza concreta a quelle iniziative del mondo della scuola rivolte alle fasce da tutelare maggiormente rispetto al fenomeno criminalità. Il ‘core business’ dell’Arma rimane la prevenzione dell’illegalità e il contrasto alla criminalità organizzata, ma la partecipazione a questo tipo di iniziative assolutamente lodevoli permette di svolgere un’azione parallela, altrettanto importante, di sostegno alla ‘cultura della legalità’ e dell’impegno sociale nei territori che da sempre vedono i militari delle Stazioni schierati in prima linea. Questa donazione simbolica di libri illustrati e fumetti alle biblioteche delle scuole avviene proprio con questo spirito di vicinanza e sostegno. A donare i volumi tra i quali “Prima che sia troppo tardi” e “La vita segreta a colori”realizzati in collaborazione con la SRF – Scuola Romana di Fumetti – e “Notiziario storico dell’Arma dei Carabinieri” sono stati nella circostanza i due Comandanti di Stazione di Barrafranca e di Pietraperzia, rispettivamente i Luogotenenti Rosario Alessandro e Giuseppe Geraci. Nell’occasione l’attenzione dei giovani è stata catalizzata dalle tavole dei fumetti “Prima che sia troppo tardi” con cui viene narrata una storia, ambientata a Roma, che vede impegnati il Maresciallo Maggiore Massimo De Rosa, nome in codice Ombra, e la sua squadra del Raggruppamento Operativo Speciale (ROS), in una corsa contro il tempo per ritrovare un’adolescente scomparsa misteriosamente nel nulla. L’avvincente narrazione porterà i Carabinieri a scontrarsi con criminali disposti a tutto. L’azione, che si sposta in diverse zone italiane dove opera la malavita organizzata, vede protagonisti i diversi  reparti dell’Arma coinvolti nelle ricerche: dalla Stazione al Nucleo Radiomobile, dal Ros al Racis, dalla Tutela Ambientale a quella del Patrimonio Culturale, dalle unità cinofile al nucleo elicotteri, fino ai Gis. Altrettanta attenzione è stata rivolta sul fumetto “La vita segreta a colori” ove si ritrovano Ombra, Volpe, Anima, Spadino, Bit con tanti nuovi personaggi impegnati nel risolvere una delicata indagine che inchioderà i responsabili degli efferati delitti che sconvolgono Brescello, tranquillo paesino della provincia di Reggio Emilia. GAETANO MILINO

Previous PIETRAPERZIA. In paese scuole di ogni ordine e grado chiuse da oggi e fino a data da destinarsi.
Next Andrea Greco eletto presidente della Consulta Provinciale degli Studenti Enna