ENNA. Contrada Scioltabino ad Enna: denunciate 4 persone per rissa e minacce, detenzione illegale di armi, munizioni e possesso di stupefacenti

ENNA. Contrada Scioltabino ad Enna: denunciate 4 persone per rissa e minacce, detenzione illegale di armi, munizioni e possesso di stupefacenti

ENNA.  La Squadra Mobile e la Sezione Volanti della Questura di Enna hanno defetiro all’Autorità Giudiziaria 4 ennesi, tra i 27 e i 41 anni, per detenzione illegale di armi e munizioni, possesso di stupefacenti, rissa e minacce gravi. A seguito delle minacce di morte proferite dalle persone coinvolte nella rissa, che ha mostrato una pistola che teneva alla cinta dei pantaloni, gli Agenti hanno effettuato diverse perquisizioni rinvenendo alcune armi detenute legalmente e numerose munizioni di calibro diverso detenute illegalmente, oltre ad un coltello e della marijuana. Ieri, alle 12,30, in contrada Sciltabino ad Enna, intervenivano gli operatori della Sezione Volanti in quanto era stata segnalata una rissa. Gli agenti constatavano che quattro soggetti erano venuti alle mani all’interno della proprietà d uno di loro per futili motivi connessi al confine tra i due terreni. I dissidi andavano avanti da mesi e più volte erano intervenute le Forze dell’Ordine. In questa occasione, uno di loro riferiva agli Agenti che il vicino aveva mostrato una pistola che teneva alla cinta dei pantaloni, minacciando,o di morte. Al fine di verificare l’eventuale detenzione illegale di armi, interveniva la Squadra Mobile per le attività investigative. Considerata la gravità del racconto di tutti i soggetti che avevano preso parte alla rissa, si rendeva necessario procedere alla perquisizione domiciliare di tutte le persone coinvolte, alcune delle quali trasportate in ospedale per le cure mediche. Effettivamente uno dei “corrissanti” deteneva deel armi, legalmente detenute, ma veniva trovato in possesso di numerose munizioni di diverso calibro non dichiarate alla Polizia di Stato; pertanto veniva deferito all’Autorità Giudiziaria  e le armi ritirate. Uno degli altri partecipanti alla rissa veniva trovato in possesso di un coltello e di marijuana per uso personale e quindi veniva deferito per porto abusivo di armi e segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo per la droga. Considerato che uno dei soggetti vive abitualmente in casa con il padre, anche lui detentore di armi regolarmente dichiarate, gli uomini della Polizia di stato provvedevano al ritiro delle stesse poiché potrebbero essere utilizzate per scopi non inerenti all’attività sportiva. L’attività della Polizia di Stato è continuata per lungo tempo in quanto sono state effettuate numerose perquisizioni  al fine di scongiurare qualsiasi eventuale ulteriore atto illecito. Il tempestivo intervento della Volante ha evitato che la rissa potesse degenerare in fatti ancora più gravi. Ne contempo l’attività investigativa immediatamente avviate dalla squadra mobile hanno permesso di deferire alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna tutti i partecipanti alla rissa, alcuni anche per la detenzione di armi e munizioni,  e di ritirare cautelativamente fucili e pistole che, nella circostanza, potevano essere utilizzate in maniera illegale. GAETANO MILINO

Previous PIAZZA ARMERINA. Minaccia la sua ex compagna di volerla sfregiare con l’acido. Arrestato dagli agenti del commissariato locale di P. S
Next PIETRAPERZIA. Agitatevi con calma: il romanzo di Angelo e di altri socialisti vestiti di povertà