PIETRAPERZIA. “Il Centro di Quarantena di via Barone Tortorici dovrà essere chiuso per ritornare ad essere un Cas, Centro di Accoglienza Straordinaria.

PIETRAPERZIA. “Il Centro di Quarantena di via Barone Tortorici dovrà essere chiuso per ritornare ad essere un Cas, Centro di Accoglienza Straordinaria.

PIETRAPERZIA. Lo dice il sindaco Antonio Bevilacqua. “Per quanto riguarda la situazione dei contagi  – scrive il sindaco di Pietraperzia  con un post su facebook comune di Pietraperzia – sono stati sottoposti a tampone 10 nostri concittadini oltre che il personale di tutte le altre strutture presenti in provincia dell’Associazione don Bosco 2000 al fine di non tralasciare nessuna pista sui possibili contagi”. Il sindaco Antonio Bevilacqua aggiunge: “Occorre adesso aspettare 2-3 giorni per gli esiti che speriamo permettano di farci uscire da questa situazione di potenziale pericolo”. “Per quanto riguarda il futuro del centro di Via Barone Tortorici – conclude il sindaco Antonio Bevilacqua -, dopo gli ultimi sviluppi della serata 31 agosto sono stato nuovamente ricevuto dal Prefetto di Enna con la quale abbiamo concordato che il CENTRO DI QUARANTENA dovrà essere CHIUSO per RITORNARE ad essere un CAS che garantisca la presenza nella struttura degli stessi ragazzi che non ruoteranno e non cambieranno come avvenuto in queste ultime settimane. Seguiranno aggiornamenti sull’esito dei tamponi”. Intanto continuano, da parte delle forze dell’ordine,  le ricerche dei quattro immigrati che sono scappati dal centro di via Barone Tortorici nella giornata del 31 agosto 2020. Di loro, ancora, non si ha nessuna notizia. GAETANO MILINO

Previous BARRAFRANCA. È tornata potabile l’acqua per le utenze raggiunte dal serbatoio di viale Signore Ritrovato.
Next PIETRAPERZIA. Calogero Di Gloria, candidato sindaco di “Insieme per Pietraperzia”, chiede l’annullamento del bando per caposettore Urbanistica del Comune di Pietraperzia.