Barrafranca. Il mercato settimanale ancora in fase sperimentale, ma bilancio positivo

Barrafranca. Il mercato settimanale ancora in fase sperimentale, ma bilancio positivo

Barrafranca. Bilancio più che positivo per il mercato settimanale del sabato, dopo un periodo di rodaggio sembra che tutto funzioni a dovere. Il mercato barrese, comunemente chiamato “A fera” (fiera), rappresenta tradizionalmente, oltre che un modo per risparmiare ed avere una grande disponibilità di prodotti, un momento di aggregazione sociale. E’ uno dei mercati più grandi della provincia ennese con più di 130 operatori commerciali che va dall’agroalimentare, alla floricoltura ai casalinghi, dall’abbigliamento ai tendaggi, molto apprezzato e frequentato anche dai cittadini dei paesi vicini. Un giro d’affari che permette a molte famiglie barresi e non di vivere dignitosamente con questa attività. “Abbiamo attraversato un periodo nero” afferma un operatore”abbiamo provato su un’unica fila ma le cose non andavano per il verso giusto, la gente ancora aveva tanta paura, però abbiamo insistito ed oggi devo dire che cominciamo a respirare, certo non siamo ancora ai livelli di prima della crisi ma l’importante è ricominciare”. Ad essere soddisfatti, oltre agli operatori commerciali, sono anche i cittadini che hanno risposto con grande partecipazione e compostezza, rispettando alla lettera tutte le indicazioni previste per il periodo che stiamo attraversando.

Soddisfazione viene espressa anche dal comandante della Polizia municipale Maria Costa che afferma “Abbiamo fatto un lavoro enorme per poter accontentare tutti, gli operatori commerciali con le bancarelle, gli operatori commerciali fissi e gli abitanti delle strade interessate e per questo ringrazio i miei collaboratori, li ringrazio anche per l’attività di controllo durante lo svolgimento del mercato, purtroppo abbiamo dovuto elevare anche qualche contravvenzione, un operatore commerciale del reparto agroalimentari non indossava ne guanti ne mascherina” continua il comandante Costa “da questo punto di vista saremo inflessibili e quindi faccio un appello in questo senso, l’appello lo faccio a tutti che è quello di rispettare il distanziamento ed indossare le protezioni previste, ora che la situazione è notevolmente migliorata non dobbiamo lasciarci andare”.

“Tutti gli esercenti si sono comportati in maniera impeccabile” dice il sindaco Fabio Accardi  “hanno rispettato le misura, tra una bancarella e l’altra ci sono anche più di 4 metri previsti, non c’è assembramento, penso che possiamo ritenerci soddisfatti di come sono andate le cose” continua il sindaco “ci vuole anche collaborazione di tutti quelli che usufruiscono del mercato settimanale, l’invito è quello di ritornare alla normalità nel rispetto delle norme”.

Il 2 giugno una ordinanza del Presidente Regione Sicilia dava la possibilità della riapertura dei mercati settimanali con il dovuto distanziamento sociale e il rispetto delle linee guida. Per quel che riguarda il mercato settimanale del sabato era intervenuta l’ordinanza 21 del 5 giugno del sindaco Accardi che disponeva su due file le postazioni degli operatori commerciali, come era prima del fermo delle attività. Dal 6 giugno partiva la fase sperimentale “…per ogni sabato a seguire fino a nuova ordinanza” che si è protratta ad oggi.La disposizione su due file ricordiamo che è subordinata alla distanza minima frontale tra le postazioni di almeno 4 metri, una distanza minima per i residenti e le attività commerciali della zona.

ordinanza 21 del 5 giuno 2020

Previous Arrestato un uomo di 68 anni per detenzione illecita e ricettazione di armi e furto aggravato di energia elettrica.
Next PIETRAPERZIA. Guerra dal Comune a chi abbandona rifiuti. Sanzioni comminate a numerose persone.