Incendio di contrada San Salvatore, ordinanza del sindaco Accardi

Incendio di contrada San Salvatore, ordinanza del sindaco Accardi

L’incendio verificatosi il 27 di Giugno in contrada San Salvatore ha portato a delle conseguenze che sono di una gravità eccezionale per la popolazione residente e per i produttori agricoli insistenti in quella zona, tanto che dopo il sopralluogo delle forze dell’ordine e dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’ambiente (ARPA) è stata individuata una zona di circa duecento metri entro i quali i prodotti coltivati non potranno essere venduti e non sarà consentito neanche il pascolo. Evidentemente le misure rilevate dall’ARPA, relative alla qualità dell’aria e delle polveri depositate sui prodotti sono di un livello tale da convincere il sindaco ad emettere l’ordinanza.

Invitiamo il sindaco Accardi a rendere pubbliche le risultanze di tali rilievi, la conoscenza di questi dati è importante indice di trasparenza perchè riteniamo che ad essere coinvolte non sono solo le famiglie che abitano quella contrada ma tutta la città di Barrafranca.

Invitiamo ancora il sindaco fabio Accardi a rendere strettissima la vigilanza dei luoghi, possibilmente H24, affinchè l’ordinanza ottenga gli effetti sperati e cioà di non ritrovarci sui banchi dei negozi quei prodotti inquinati ed evitare che quella strada venga percorsa da greggi di animali  come fanno abitualmente su quella zona, anche perchè quella stradina permette di raggiungere il largo Canale con facilità dalla SS 191, andrebbe quindi bonificata e riaperta al pubblico.

E’ ora che i cittadini si rendano conto che occorre la collaborazione fattiva con le istituzioni, occorre segnalare tempestivamente alle forze dell’ordine ogni atto che pregiudichi la civile convivenza e quello che è importantissimo la salute pubblica. le istituzioni devono impegnarsi ancora di più e combattere a fianco dei cittadini che spesso sono inermi e impossibilitati ad una reazione efficace.

Ordinanza n. 38 del 28/6/2017
• Oggetto: Ordinanza contingibile e urgente, in via cautelativa, di divieto di utilizzo e commercializzazione, per uso alimentare, di prodotti ortofrutticoli e di divieto
al pascolo.
IL SINDACO
• Premesso che il 27/6/2017, nelle prime ore post meridiane, in C/da Santo Salvatore;
• si è sviluppato un incendio che si è propagato fino a bruciare cumuli di rifiuti solidi urbani abbandonati, siti nelle vicinanze;
Visto il verbale del 27/6/2017, dei Carabinieri di Barrafranca, di accertamento congiunto con Personale della Polizia Municipale, con Personale della struttura territoriale dell’ARPA, in cui, tra l’altro viene specificato che;
– l’area dei rifiuti abbandonati ha un’ampiezza di duecento metri di lunghezza per quattro di larghezza;
– i resti combusti sono di materiali organici ed inorganici;
-. il fuoco si è esteso nella collina antistante detta area di abbandono rifiuti interessando, verosimilmente, aree private;
sono stati prelevati campioni dell’aria, delle polveri sospese, di ortofrutta e dei
• terreno, a diverse distanze dal sito dell’incendio;
– i è convenuto, vista l’ampiezza dell’area interessata e la tipologia di rifiuti combusti:
a) di emettere ordinanza sindacale cautelativa per evitare la commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli e il pascolo entro un raggio di duecento metri dall’area interessata dall’incendio, al fine di tutelare la salute pubblica;
b) che il Comando di Polizia Municipale faccia segnalazione.

Previous Incendio di contrada San Salvatore, il consigliere Clorinda Perri interviene in consiglio comunale
Next L’irccs oasi tra i soci della “rete delle neuroscienze e della neuroriabilitazione”