Alcune orazioni dialettali tratte dalla devozione barrese in onore di San Giuseppe

Alcune orazioni dialettali tratte dalla devozione barrese in onore di San Giuseppe

Il 19 marzo la Chiesa festeggia il patriarca san Giuseppe, patrono degli orfani e delle giovani ragazze, festeggiato poi il 1 maggio come patrono dei falegnami e dei lavoratori in genere. A Barrafranca (EN), come in tanti altri paesi siciliani, la devozione popolare si esprime attraverso  orazioni in dialetto, tramandate oralmente e  recitate non solo il mese di Marzo, mese dedicato al Santo, ma tutto l’anno, quanto si vuole invocarne la protezione. Riportiamo alcune versione della stessa orazione:

Patriarca San Giseppi  i vustri lligriizzi sunu setti,

sta jurnata u ‘nna passari chi n’aviti a ccunzulari.

San Giseppi, fustivu patri, fustivu vergini comu la matri:

Maria la rrosa, Giseppi lu gigghiu, 

datini aiutu, rriparu e cunsigghju.

Ppi ssu bamminu ch’aviti ‘mbrazza cunciditini la grazia.

Comu spusu di Maria prutiggiti e ssarvati l’arma mia.

Ppi l’amuri di Maria, o caru mio Gesù, 

stabilitimi la fidi e cunvirtiti a ccu ‘nci cridi.

Ji spittu la pruvidenza di Gesù, Maria e Giseppi:

San Giseppi ‘un ni bbannunati ppi la mia nicissità.

(Giuseppina La Zia)

San Gisippuzzu fustivu patri, fustivu vergini comu la matri:

Marai la rrosa, Giuseppi lu gigghiu,

e ppi l’amuri di Maria

 San Gisippuzzu priati ppi mia.

Scura ‘oi, agghiorna dumani

la pruvvidenza nn’aviti a mannari.

Ave, Pater e Gloria

(Salvatore Ciulla)

Nei primi versi, entrambe le orazioni si riferiscono ai “Sette dolori e allegrezze di San Giuseppe”, la più antica pratica devozionale in onore del santo risale al 1536. Secondo una leggenda, riportata da fra Giovanni da Fano (1469-1539), fu il Santo a promuovere e creare questa pia pratica,  dopo aver  salvato due frati  naufraghi da una tempesta. Fu lo stesso San Giuseppe ad indicare ai frati quali erano stati i suoi dolori, ai quali si legano le gioie, durante la sua vita terrena. Erano stati sette questi momenti che provocarono dolore e contemporaneamente gioia. I versi successivi rimarcano la verginità sia di Maria che del suo sposo Giuseppe e continuano con la classica simbologia che la cultura popolare associa ai due Santi:  la rosa a Maria e il giglio a Giuseppe. L’orazione prosegue con la  richiesta di protezione dell’anima e di aiuto nella vita terrena. Il Santo viene invocato anche in occasione di eventi climatici, ad esempio i temporali, come nella seguente preghiera:

Patriarca San Gisuppi

i vustri biddizzi furuno setti

sta jurnata ‘nna  passari

chi n’aviti a ccunzulari.

Stu santu timpi a ta mannari

dabbanna mari

unna nnu ci bbita ne armali

e mancu cristiani.

(per 10 volte)

(Maria Angela Mosto)

Infine riportiamo l’inizio di una canzoncina:

Ie biddu su mantuzzu

ie ranni quanti u mari

nni ciammu a riparari

ppi l’eternità!

Rit. Evviva Giuseppi dilla pruvvidenza

li grazii dispensa,

miraculi fa!

(Giuseppina La Zia)

Questa alcune delle orazioni da noi raccolte. La ricerca continua.

Rita Bevilacqua

 

 

 

 

 

Previous Festa del Libro e della lettura ad Enna nell'istituto comprensivo "Santa Chiara"
Next Video/ Amministrazione incontra aziende edili per parlare del fenomeno di discariche abusive nel territorio comunale