Mostra personale di fotografia e video “Archai” dell’agirino Filippo Papa a Catania

Mostra personale di fotografia e video “Archai” dell’agirino Filippo Papa a Catania

Un’altra mostra di fotografia e video ARCHAI dell’agirino Filippo Papa, questa volta nel cortile Platamone di Catania in via Vittorio Emanuele dal 12 fino al 27 settembre. La mostra è  patrocinata dal Comune di Catania, Comune di Agira, Comune di Barrafranca, dall’Ordine degli Architetti di Catania, dall’Ordine degli Ingegneri di Catania, dall’Ass. Culturale Idearte CAV di Pisa, dall’Ass. Culturale il Castello di Agira in Europa di Agira, Il Med Photo Fest settima edizione Internazionale e l’Ass. Culturale Mediterraneum. Con lo sponsor della pasticceria storica di Alessandro Marchese e dei media partner ZammùMultimedia e Radio Aci Castello. Gli orari di apertura della mostra sono da lunedi al sabato (ore 9-13 / 15-19) e domenica (ore 9-13). L’iniziativa nasce da un’approfondita ricerca volta alla realizzazione di un progetto espositivo specifico dell’artista visivo – così ama definirsi Filippo Papa -, fotografo e grafico che si è diplomato in “Graphic Design” all’Accademia di Belle Arti di Catania nel 2013. Papa ha all’attivo 6 mostre personali e più di 10 mostre collettive ed ha collezionato premi, riconoscimenti e pubblicazioni. A tal proposito è importante segnalare che nel 2014 gli scatti dell’artista sono stati trasmessi nel programma televisivo di RAI 3, “Tgr Mediterraneo”. Nell’agire dell’artista spicca la massima attenzione alla “progettazione” che sfocia nella comunicazione visiva ed artistica. Questo nuovo evento espositivo è frutto di un’accurata analisi e ricerca dell’artista, legata alle tematiche dell’architettura e dell’azione della luce su di essa. Tale ricerca si configura come un continuum rispetto al pensiero del filosofo “James Hillman” legato alla teoria dell’esistenza di un’anima che abita e possiede i luoghi. L’artista afferma: “La luce che dà vita al manufatto umano, la natura stessa delle forme si anima. Il contrasto delle forme, il bianco e il nero diventano il corpo, lanima e l’essenza delle cose.  Questa frase introduce Il “leitmotiv” dell’evento, legato profondamente agli “Archai” (principi primigeni) di Hillman, il quale asserisce: “Gli archetipi sono i modelli più profondi [] come le radici dellanima che governano le prospettive attraverso cui vediamo noi stessi e il mondo”.

L’evento si snoda in due parti: una parte fotografica costituita da 13 scatti in cui l’artista sceglie  l’uso del bianco e nero, così da esaltare le forme architettoniche attraverso i forti contrasti che stilisticamente lo contraddistinguono mentre l’altra parte video, in cui l’artista presenta l’opera “L’anima dei luoghi”un video composto ricorrendo alla tecnica della velocizzazione, legata alla ricerca della costruzione di nuove esperienze visive spazio-temporali. Il video è un omaggio alla Sicilia, terra dell’artista, ai  suoi luoghi e ai suoi tesori architettonici. Così, le opere di Papa si trasformano in veri e propri “loci” interiori e mentali, rendendo omaggio al genio di Hillman a tre anni dalla sua scomparsa.  Per ulteriori informazioni, Web: http://filippopapa.com/                                                                   Link spot: https://www.youtube.com/watch?v=9Y01wz4BVsk&feature=youtu.be                      mail: mostrefilippopapa@gmail.com / info@filippopapa.com                                                                    phone: +39 334 3361904

 Biografia. Filippo Papa nasce a Leonforte il 24/10/1986 fin da piccolo ha avuto uno spiccato senso artistico, dimostrando ecletticità e versatilità, toccando vari ambiti dell’arte visiva e non solo. Dalla fotografia, al graphic design, alla produzione e promozione di eventi culturali, alla videoarte e installazioni artistiche, fino ad esperienze come attore teatrale e cinematografico, e nel campo della moda. Importante da segnalare la sua evoluzione artistica in campo fotografico, dove spicca la sua forza espressiva legata ai forti contrasti sia cromatici che di sfumature dell’anima, legate alla società contemporanea. Può vantare diverse mostre collettive, bipersonali e soprattutto personali, a partire da Treanime, titolo della sua prima personale  svoltasi nel 2012 a Catania, nella prestigiosa cornice del Palazzo Platamone, divenuta poi una mostra itinerante che ha toccato diversi luoghi siciliani quali Agira, Barrafranca e Palermo ricevendo numerosi articoli e recensioni. Consegue nel 2013 il Diploma di primo livello in Graphic design, presso lAccademia di Belle Arti di Catania dove continua i suoi studi frequentando il biennio di grafica editoriale, in cui ha svolto dal 2013 il ruolo di assistente della materia Metodologia progettuale della comunicazione visiva. Nel 2014 presenta la mostra personale “Fotogramma”, presso il Castello di Spadafora (ME), in cui la sua ricerca artistica si spinge verso la videoarte e la videoinstallazione. Ha ottenuto numerosi premi, riconoscimenti e pubblicazioni, fra cui nel 2012 una delle sue foto è stata selezionata fra le migliori a livello mondiale nel portale del sito di Vogue. Inoltre nel 2014, la pubblicazione del progetto fotografico “Catania in bianco e nero”, da parte del programma  Tgr Mediterraneo, su Rai 3.Nel 2015 presenta la seconda tappa della mostra personale “Fotogramma” presso il Palazzo Trao Ventimiglia di Vizzini. Negli ultimi anni ha partecipato a svariati workshop e stage specialistici, in seno a manifestazioni quali il Med Photo Fest di Catania ed altri organizzati dall’Accademia di Belle Arti, in collaborazione con l’Università di Catania.Attualmente vive e lavora come artista visivo, fotografo e grafico freelance, tra Agira e Catania.

 

Previous Fedeli festeggiano in pochi giorni l'esaltazione della Croce e la festa della Compatrona. Applausi per il Tappeto Siciliano allestito con i prodotti della terra.
Next Due emigrati in Argentina ritornano nella loro "amata" Barrafranca dopo 60 anni