Gli studenti del liceo scientifico di Barrafranca durante un convegno coinvolgono l’intera platea in ricordo di Giovanni Falcone.

Gli studenti del liceo scientifico di Barrafranca durante un convegno coinvolgono l’intera platea in ricordo di Giovanni Falcone.

Questo l’articolo redatto dagli alunni della scuola del Liceo Falcone, che siamo lieti di pubblicare, per dare la possibilità di esprimere quando sia importante conoscere il mondo della comunicazione. Gli studenti hanno partecipato ad un convegno in terra toscana. Complimenti ragazzi!!!!!
Un plauso va anche alla dirigente Gueli e ai vari docenti per la dedizione che mostrano sull’attività formativa degli studenti dell’istituto.

“Crescere tra le righe”

“Siate più attori e meno spettatori, più leader e meno follower, più cittadini e meno sudditi”.
All’insegna del Mondo 2.0, è questo il messaggio che il presidente dell’Osservatorio Permanente Giovani-Editori, Andrea Ceccherini, lancia ai ragazzi presenti alla nona edizione del Convegno Internazionale “Crescere tra le righe”, che si è svolto a Borgo La Bagnaia nei giorni 22 e 23 Maggio 2015.
Gli studenti, protagonisti del progetto “Il Quotidiano in classe”, hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con i direttori delle più importanti testate giornalistiche americane, come Baquet, Baker, Baron e Maharaj o il Senior Director dei prodotti News e Social Google, Richard Gingras, e non possiamo non citare grandi volti del giornalismo e dell’economia italiana: Donatella Treu, Roberto Napoletano, Carlo Messina e Fabrizio Palenzona.
Importante anche la presenza di Bocelli, per il tema del volontariato e per la commovente esibizione sulle note dell’Ave Maria di Schubert.
I temi affrontati durante il Convegno sono stati il giornalismo di qualità, che è la base per costruire un rapporto di fiducia tra editori e lettori, e il legame ormai indispensabile tra cartaceo e digitale componente fondamentale sia del mondo dell’informazione che di quello del business.
“La coscienza critica è una bussola nel viaggio della vita” ha ribadito Ceccherini, esortando i ragazzi a mettere nel loro bagaglio tutto quanto possibile e necessario a crearsi coscienza civica, fiducia nei propri mezzi, e capacità di scelta, ossia elementi alla base della libertà di un cittadino.
È proprio questo spirito critico che ha portato noi studenti dell’ ISISS “Giovanni Falcone” di Barrafranca, accompagnati dalla prof.ssa Lidia Giunta, referente del progetto, a porre le seguenti domande ai relatori che si sono susseguiti nel corso del Convegno:
“Gli ormai omologati messaggi del web diffondono informazioni di scarsa qualità, volevo chiedere quindi all’amministratore delegato del Time Warner se è possibile avere dei criteri di orientamento nella scelta dell’informazione di qualità, in particolare informazioni volte a soddisfare un certo bisogno morale di comprendere il mondo e migliorare la vita pratica e civile?” – Carmelo Bognanni
“Rivolgendomi a Monsignor Galantino, vorrei chiedere: I Millennials, che sono tecnologicamente alfabetizzati, cambieranno le logiche dell’industria dando, ancora una volta, vita ad una “falsa partenza”?” –Clarissa Bellanti
“Mr. Gingras, sul web si trova tutto e il contrario di tutto, dall’informazione di qualità alle così dette “bufale”; questa vastissima mole di informazione potrebbe trasformare la libertà di espressione in anarchia digitale?” – Aureliana LaPusata
“Mr. Thompson, con l’introduzione di IstantArticles su Facebook, a cui ha aderito anche il New York Times, non si rischia di trasformare le importanti testate giornalistiche in articoli che compongono un unico grande giornale, quale facebook? Tali articoli non perderebbero così l’importanza che invece hanno nelle proprie testate e nei propri siti?” – Alessia Maccarrone
“Essendo una ragazza molto interessata nel campo del volontariato, vorrei rivolgere a lei, Bocelli , due domande:la prima è , secondo lei è meglio aiutare chi ha bisogno nel proprio paese o attraverso l’immigrazione , fenomeno quindi di salvataggio e progresso? La seconda domanda è più personale: come può una ragazza di diciotto anni neo-diplomata ad entrare nel mondo del volontariato?” –Marta Bognanni
Inoltre, per ricordare la strage di Capaci avvenuta il 23 maggio del 1992, noi ragazzi del Liceo Giovanni Falcone abbiamo coinvolto i presenti al convegno con un intervento, culminato in un applauso pieno di commossa approvazione.
“Usciamo da Bagnaia più ricchi di quando siamo entrati”. Queste le parole di Ceccherini al quale noi ragazzi rivolgiamo un sincero ringraziamento per la grande opportunità che c’è stata offerta, con la promessa di dare il meglio di noi e di affrontare con coraggio, spirito critico e passione il futuro.

Aureliana La Pusata
Alessia Maccarrane
Clarissa Bellanti
Carmelo Bognanni
Marta Bognanni

Previous Orchestra "Verga" in auge per i vari riconoscimenti e premi ottenuti
Next Attenzione ai falsi ispettori INPS, in due fermati a Pietraperzia