Attenzione ai falsi ispettori INPS, in due fermati a Pietraperzia

Attenzione ai falsi ispettori INPS, in due fermati a Pietraperzia

Pietraperzia. I carabinieri della stazione locale del Viale Dan Bosco, sotto le direttive del maresciallo Giuseppe Castroviilari, hanno identificato e tenute in stato di fermo due persone che si facevano passare per funzionari dell’lnps e poi li circuivano per rubare ori e soldi. I due sono in stato di fermo e si aspetta eventuale convalida del giudice per l’arresto, I falsi ispettori Inps non sono residenti in provincia di Enna, ma da una provincia siciliana lontana,  Il maresciallo Castrovillari non ha fomito le generalità dei due fermati perché le indagine sono aperte e si sta indagando su una eventuale banda che agisce in tutta la Sicilia, Ci si chiede come facevano ad avere le generalità delle persone che prendevano di mira e poi, con abili stratagemmi, li circuivano e derubavano tutti i valori che c’erano in quella casa, Anche stavolta in prima linea il capitano Rosario Scotto Di Carlo della Compagnia di Piazza Armerina,
Già si parla di una diecina di pensionati visitati e di colpi portati a segno: ma sono state parecchie le“tracce” lasciate, a cominciare dalla stessa macchina con cui i due arrivavano che è stata riconosciuta da qualcuna delle persone derubate,
Questo “assalto” ai pensionati e agli appartamenti in paese è endemico, IN qualche caso qualche “topo d’appartamento” è finito nella rete dei caiabinieri, arrivati tempestivamente, Per i numerosi fatti gravi su cui sta indagando il maresciallo Giuseppe castrovillari non c’è comunque da stare tranquilli: si parla di un’enorme quantità di droga, di macchine rubate in tutta la Sicilia ed anche gli scippi che sono stati stroncati dai carabinieri
C’è da dire che le forze dell’ordine hanno un gran da fare ma sono presenti e si muovono con tempestività, coordinati dalla esperta mano del maresciallo Castrovilli, Intanto il nuovo sindaco Antonio Bevilacqua ha diffuso una nota con la quale suggerisce agli anziani di non aprire la porta a persone sconosciute.
GiUSEPPE CARA

Previous Gli studenti del liceo scientifico di Barrafranca durante un convegno coinvolgono l'intera platea in ricordo di Giovanni Falcone.
Next Sant’ Antonio da Padova