Un “boom” di donazioni all’Avis. Tante le attività tra pedalata, gita sociale e la recente donazione “sotto.. le stelle”

Un <<boom>> di predonazioni, circa 80, e ben oltre 350 sacche di sangue in cinque mesi. Questi i dati dell’attività Avis da inizio gennaio dove tra le varie attività ha svolto ben 11 donazioni tra ordinarie e straordinarie. L’associazione Avis del presidente Giuseppe La Rosa, si conferma una delle realtà più importanti del territorio e prova ne è il fatto che martedì scorso durante l’ edizione “Sotto le Stelle” i soci hanno accolto all’interno di uno stand tanti volontari tra cui molti giovani che hanno voluto donare. “ Una volta l’anno si cambia il luogo dove donare – afferma il presidente Giuseppe La Rosa – in una piazza centrale e dentro uno stand per cui si portano tutti gli strumenti necessari per la raccolta del sangue ed  informare la gente sulla donazione”. E proprio in questo mese le attività dell’Avis non sono certo mancate con la pedalata ecologica dello scorso 2 giugno e con circa 250 partecipanti per le vie del centro urbano mentre in serata nella villa comunale è stata presente in un momento di aggregazione giovanile dove si sono esibiti diversi gruppi musicali. L’associazione ha circa settecento donatori iscritti ma se si contano anche gli ex donatori si arriva anche ad un migliaio di unità. I soci sono reduci anche della recente gita sociale svoltasi a Noto durante l’ “infiorata” e poi a Siracusa con la visita di Ortigia e del santuario della Madonna delle Lacrime.  I volontari dell’Avis sono impegnati anche in attività mirate al significato della donazione ed è presente nelle scuole partecipando a delle conferenze ma anche nella vita sociale come ad esempio la sagra della Cuccia che si svolge a dicembre. “ Non possiamo che ritenerci soddisfatti per le pre-donazioni – conclude La Rosa – dove la maggior parte sono giovani e mira a valutare l’idoneità del futuro donatore per la raccolta di sangue effettiva”. Infatti per coloro che risulteranno idonei la donazione avverrà in seguito dato che un donatore oltre ad confermare un buono stato di salute deve avere un’età compresa tra i 18 e 65 anni di età. Da gennaio la media delle sacche di sangue per ogni donazione è superiore alle 32 sacche e questi numeri confermano quello dello scorso anno. La prossima donazione per l’Avis è prevista per il prossimo sabato 13 giugno.

 

Previous Scomparso un pietrino da ieri pomeriggio, Salvatore Puzzo. Si continuano le ricerche
Next Hanno dato esito negativo le ricerche per Salvatore Puzzo, l'uomo che da ieri pomeriggio non si hanno più notizie. Si distribuiscono volantini