Domani l’Ottava con il Bacio del Crocifisso da parte di migliaia di fedeli

Domani l’Ottava con il Bacio del Crocifisso da parte di migliaia di fedeli

Arriva il giorno del Bacio dopo le polemiche sui danni alla "Spera"

Domani il giorno dell’Ottava con il bacio del Crocifisso nella chiesa Madre. Ad essere presenti migliaia e migliaia di fedeli, come ogni anno, a cui parteciperanno nelle varie messe ( ve ne è una dedicata anche ai malati) e che subito dopo si procederà al consueto bacio. Quello del 2017 sarà ricordato in modo particolare da parte dei barresi (ha avuto rilevanza nei media nazionale) perché si è verificato un fatto insolito dove durante il percorso della “Via dei Santi” in via Fratelli Vasapolli la parte superiore dell’ asta verticale (“A Spera”) ha incontrato come ostacolo un filo del telefono per cui si è piegata senza, per fortuna, danneggiare il Crocifisso. Panico e tensione ma anche gente che piangeva vicino al fercolo ma i confrati del Santissimo Crocifisso hanno tolto la croce della sfera e consegnato il Crocifisso al parroco della Chiesa Madre, don Giacomo Zangara il quale, abbracciando il crocifisso ha proceduto per le vie del paese. Al passaggio tanta gente ha pianto anche se era stata creata una catena umana con la presenza dei fedeli ma anche del comandante dei carabinieri Pasquale Scordella e la polizia municipale con il comandante Maria Costa. “ La processione del venerdì santo a Barrafranca – afferma il sindaco Fabio Accardi – non può essere dimenticata e nonostante la causa accidentale della spera che si è spezzata perché ostacolata da un cavo telefonico è rimasta intima la devozione della comunità. Chiarisco che il Crocifisso era posto all’interno della Spera e quindi è rimasto intatto dopo l’accaduto”. Dopo l’accaduto il problema è rientrato perché il fercolo è stato riparato grazie alla confraternita e ai fedeli presenti e la processione è continuata e rispettato i tempi nonostante l’imprevisto in via Vasapolli. “ I barresi nella processione serale del Venerdì Santo – chiarisce il sindaco – rimarcano il loro sentimento di devozione e l’intimo attaccamento verso il Crocifisso. Mi auguro che si spengano i riflettori su questa vicenda e che cessino le polemiche invitando tutti a riunirsi in preghiera e davanti al crocifisso nel giorno dell’Ottava”. Quindi domani migliaia e migliaia di fedeli arriveranno in chiesa Madre dopo che il Crocifisso verrà prelevato dall’altare laterale in cui vi è una teca per poi essere baciato dai tanti fedeli che arrivano anche dai paesi vicini.