PIETRAPERZIA. Incendio a Vallone di Calò. Un’altra problematica, il punto di prelievo idrico Largo Canale.

PIETRAPERZIA. Incendio a Vallone di Calò. Un’altra problematica, il punto di prelievo idrico Largo Canale.

PIETRAPERZIA. Le fiamme si sono “sviluppate” nella tarda mattinata di lunedì 13 giugno 2022 nella zona sottostante contrada Rocche. Le lingue di fuoco per una estensione di circa quattrocento metri da Largo Canale fino, all’incirca, a Vallone di Calò. Le fiamme hanno divorato della flora che cresceva spontanea in zona e anche parte di un canneto. Molto denso e nero il fumo che si è levato nell’aria e che ha avviluppato la zona. Sul posto sono intervenute squadre Sab – Squadre Antincendio Boschivo – che hanno provveduto a circoscrivere e a domare l’incendio. A “Largo Canale” anche una pattuglia dei carabinieri della stazione cittadina e la Polizia Locale di Pietraperzia. Nello stesso punto, “Largo Canale”, la seconda problematica, manifestatasi nello stesso arco di tempo. Una valvola che chiude il flusso dell’acqua del punto di prelievo idrico si è guastata. Il prezioso liquido si è continuato a riversare sulla strada in maniera molto abbondante. Un volontario ha cercato di chiudere la seconda valvola ma la pressione dell’acqua era troppo forte e non ci riusciva nonostante diversi tentativi. Il problema risolto da un operaio di una ditta di manutenzione di impianti idrici e di riscaldamenti che è riuscito ad arrestare il flusso dell’acqua con una pinza a pappagallo. Non molto tempo dopo, sono arrivati alcuni tecnici di Acqua Enna che hanno provveduto a sistemare la valvola e a rimettere tutto in sesto. GAETANO MILINO

Previous ENNA. Stazione ferroviaria. Trentacoste (M5S): Necessario aprire riflessione sul tema, con il coinvolgimento delle forze attive del territorio, al fine di vagliare la fattibilità delle varie proposte”.
Next PIETRAPERZIA. Oltre duecento chili di pane benedetto distribuito nella chiesa “Santa Maria di Gesù”.