BARRAFRANCA. Al plesso “Europa”, impianti di riscaldamento guasti e classi al freddo.

BARRAFRANCA. Al plesso “Europa”, impianti di riscaldamento guasti e classi al freddo.

BARRAFRANCA. La problematica si presenta in tutto il suo spessore e in maniera particolare nelle classi 5ª A e 5ª B di Scuola Primaria. Alunni e docenti sono costretti a stare in classe con le coperte. La questione – impianti di riscaldamenti guasti – si trascina e va avanti da circa un anno. I genitori hanno chiesto ai responsabili della Scuola e al Comune di provvedere e riparare il guasto. Finora non si è ottenuto nulla. I genitori, lo scorso mese di ottobre, hanno avuto rassicurazioni dal Comune sul fatto che gli impianti sarebbero stati riparati a breve. Nonostante siano trascorsi diversi mesi, gli impianti di riscaldamento sono ancora guasti e gli utenti, alunni e docenti, sono ancora al freddo e si coprono con cappotti e coperte. Ad aggravare la situazione, il freddo molto intenso che sta colpendo in maniera particolare in queste ultime settimane. Un altro punto da registrare è il fatto che le finestre rimangono aperte per il ricambio dell’aria. Martedì 1 febbraio 2022 si è messo pure a piovere e in 5ª A diversi alunni sono stati bagnati dalla pioggia. I genitori dei piccoli, esasperati, nella mattinata del 2 febbraio 2022, hanno chiamato i carabinieri della locale stazione perché venissero a constatare di persona i disagi che stanno affrontando alunni e docenti delle classi coinvolte. Gli impianti di riscaldamento guasti coinvolgono l’intero plesso scolastico ma, in maniera particolare, le classi 5ª A e 5ª B. Da registrare pure che in 5ª B c’è anche una alunna disabile. Diverse volte si è cercato di risolvere il problema degli impianti di riscaldamento guasti ma i risultati sperati non si sono ottenuti. La dirigente scolastica, la dottoressa Maria Filippa Amaradio, il 19 ottobre scorso ha cominciato a sollecitare il Comune perché il guasto venisse riparato ma, finora, alunni e docenti sono al freddo. Dal Comune avevano assicurato degli interventi risolutivi. Nei mesi passati sono stati fatti dal Comune degli interventi ma la problematica ancora resta irrisolta. I genitori hanno chiesto diverse volte alla scuola di risolvere il problema. Dato il persistere della situazione, la rappresentante di classe è andata al Comune. Dall’Ente Locale è arrivata l’assicurazione che si sarebbe intervenuti in tempi celeri. “Ora dal Comune – affermano i genitori – sono arrivati i tecnici per riparare il guasto. Ci è stato detto che entro sabato dovrebbe essere riparato”. Da novembre i termosifoni sono tiepidi. Poi alunni e docenti sono andati in Dad. Al rientro in classe, le aule erano completamente al freddo. “Noi – continuano i genitori – dobbiamo lottare perché non è una cosa normale che alunni e docenti a scuola debbano patire il freddo”. “Dalla scuola – dicono ancora i genitori – ci era stata proposta la riduzione dell’orario scolastico ma con tale decisione non si risolve nulla”. “Qualora il prossimo lunedì – concludono i genitori – la situazione non si dovesse normalizzare, valuteremo il da farsi”. GAETANO MILINO

Previous PIETRAPERZIA. Il dottore Rosario Patti primo Borgologo al mondo. Plauso dal Movimento “Terra è vita Pietraperzia” e da “Profumi di Sicilia”.
Next GDF CATANIA. Attività a tutela della spesa pubblica. Sottoscritto protocollo d’intesa relativo ai rapporti di Collaborazione tra l’Università degli Studi di Catania e il Comando Provinciale Guardia di Finanza di Catania.