Barrafranca. 25 novembre, “Donne in circolo” e Liceo Falcone insieme per una giornata di sensibilizzazione.

Barrafranca. Oggi 25 novembre, giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne, con grande sensibilità sul tema, la Dirigente  Maria Stella Gueli ha accolto all’interno dell’Istituto I.S.I.S.S. Giovanni Falcone di Barrafranca , un’istallazione simbolica, posta all’ingresso, ideata dalla studentessa del liceo classico Noemi Cravotta  in collaborazione con l’associazione “Donne In Circolo” di Barrafranca, con il contributo nel progetto di Desirèe Sarda, Mickael Gentile, Daniele Cumia e Valentina Giunta, studenti dell’Istituto.

L’istallazione volta a lanciare un messaggio di protesta nei confronti del radicato e violento fenomeno, ci propone una visione d’impatto per non dimenticare tutte le vittime di femminicidio e le donne che subiscono violenze.

Adottata anche l’iniziativa Posto Occupato” una campagna di sensibilizzazione sociale e virale contro la violenza sulle donne; quel “Posto Occupato” sarà riservato per sempre ad una donna che avrebbe voluto, potuto e dovuto essere lì! Sarà un segno, un monito silenzioso, voce per chi non ha più voce, che suggerisce a tutti noi di non sottovalutare mai i segnali della violenza e soprattutto a non voltarsi mai dall’altra parte.

Afferma la studentessa Cravotta: “ Il fenomeno è un problema culturale poiché nasce dal sessismo. Viviamo ancora in una società patriarcale dove gli uomini hanno privilegi che le donne non hanno. La violenza si annida in una società di questo tipo, caratterizzata dal dominio maschile. Abbiamo un necessario bisogno di cultura e prevenzione oltre che di cura e riabilitazione. Questa iniziativa sarà un modo per invitare, chiunque entri nell’Istituto, alla riflessione su un tema che drammaticamente accompagna le cronache quotidiane e su quanto sia importante denunciare il fenomeno”

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Donne In Circolo conferma il proprio convinto  impegno per la promozione dell’uguaglianza di genere e per la lotta contro ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne.

 Aleo Maria Concetta, Presidentessa dell’Associazione Donne In Circolo, aggiunge: “ Siamo felici di avere avuto la possibilità di lavorare affianco a questi giovani studenti, sentirli e vederli entusiasti ci ha motivate ancora di più a portare avanti il nostro impegno sociale e morale, in un paese dove ancora spesso – purtroppo – i retaggi culturali sono ancora impregnati di stereotipi maschilisti e patriarcali. Donne In Circolo è un’associazione di donne che hanno il desiderio di lavorare per altre donne, hanno il desiderio di valorizzare la figura femminile e sentono la forte appartenenza ad un genere che purtroppo ancora oggi, in molti aspetti della vita, viene ancora definito, rappresentato e raccontato come sesso debole”.

Una delegazione dell’associazione Donne In Circolo ha anche incontrato tutti i ragazzi e le ragazze del Cirs,  “ è stata un’occasione di confronto densa di significato e  colorata da tante emozioni” aggiunge la Presidentessa – “ abbiamo lanciato dei piccoli semi ai ragazzi e ci auguriamo di vederli presto germogliare”

In conclusione della giornata, sempre l’associazione “Donne In Circolo” in collaborazione con l’associazione Arcobaleno” ha deciso di illuminare il Municipio di Barrafranca, con  un fascio di luce arancione,  proprio perché l’arancione è il colore scelto come simbolo di un futuro  più luminoso e soprattutto privo di qualsiasi forma di violenza.

Previous BARRAFRANCA. A Barrafranca, comune sciolto per mafia, l’albero di Falcone e i Carabinieri a presidio della legalità.
Next BARRAFRANCA. Assolto Andrea Bernunzo accusato dell’omicidio dell’avvocato Antonio Bonanno