BARRAFRANCA. Dissesto finanziario al Comune di Barrafranca.

BARRAFRANCA. Dissesto finanziario al Comune di Barrafranca.

A dichiararlo sono i tre componenti  la commissione straordinaria con i poteri del consiglio comunale Leonardo La Vigna, Maria Salerno e Carmelo La Paglia. Il provvedimento dei tre commissari a seguito della relazione trasmessa dai Revisori dei Conti del Comune di Barrafranca. Tra i punti critici evidenziati dai Commissari straordinari “Esistenza di un deficit strutturale non fronteggiabile con le ordinarie risorse dell’Ente; la situazione di cassa dell’Ente è costantemente deficitaria, con costante ricorso all’anticipazione di tesoreria nei limiti massimi previsti dall’ordinamento; esistono in atti numerose fatture, decreti ingiuntivi, atti di precetto e pignoramenti dovuti a mancati pagamenti a cui l’Ente non può e non ha potuto far fronte per carenza di liquidità, e che producono interessi di giorno in giorno aumentando la massa debitoria dell’Ente; Bassissimo grado di riscossione dei residui attivi dei primi tre titoli con la consequenziale necessità di accantonare rilevanti importi al FCDE – Fondo Crediti Difficile Esigibilità – e tali da assorbire una parte significativa del bilancio destinata alla spesa corrente;”. Altri punti critici evidenziati dalla Commissione straordinaria “Debiti fuori bilancio sopraggiunti che non trovano copertura nel bilancio 2019/2021 in relazione alle previsioni di entrate; impossibilità di predisporre il bilancio 2019/2021 in pareggio finanziario”. Altre criticità evidenziate dai commissari “la massa debitoria continua a produrre interessi che contribuiscono a far lievitare il debito dell’Ente; sussistono innumerevoli contenziosi che costituiscono senz’altro una fonte di ulteriori debiti; oltre alla massa debitoria in termini di passività, dalla relazione dell’Organo di revisione emergono debiti fuori bilancio di rilevante importo; Dato atto che l’Ente versa, nonostante l’anticipazione di tesoreria, in una costante condizione di mancanza di liquidità tale da non riuscire ad onorare il pagamento delle spese obbligatorie per legge”. Nella relazione dei revisori dei conti si analizzano, tra l’altro, le fasi storiche del precedente dissesto e delle principali cause del dissesto tra cui Fondo Crediti Difficile Esigibilità – FCDE -,Disavanzo di amministrazione Debiti liquidi ed esigibili  Debiti fuori bilancio, Passività potenziali, Decreti ingiuntivi”. In allegato la relazione dei Revisori dei Conti e il provvedimento della Commissione Straordinaria Con i Poteri del Consiglio Comunale. GAETANO MILINO   

Previous BARRAFRANCA. Un centro vaccinale nella villa confiscata al boss Bevilacqua
Next PIETRAPERZIA. Disinfestazione dei plessi scolastici e degli edifici comunali.