PIETRAPERZIA. Covid 19. Su 946 tamponi eseguiti, trovati otto positivi.

Lo screening è stato eseguito per l’intera giornata di mercoledì 7 aprile 2021 in viale Unità D’Italia, ex viale dei Pini, con il sistema del drive-in. Ad eseguire i tamponi, personale dell’Asp 4 di Enna. Allo screening erano presenti il Sindaco Salvuccio Messina, il suo vice Angelo Vullo, i carabinieri della stazione cittadina , la polizia municipale di Pietraperzia e la Protezione civile cittadina guidata da Pino Di Gloria. Da registrare che rimane invariato, rispetto ad ieri, il numero di positivi – 56 in totale – comunicato dall’Asp 4 di Enna martedì 6 aprile 2021. Gli otto positivi rilevati durante lo screening di viale Unità d’Italia dovranno essere confermati con altrettanti tamponi molecolari. Causa Covid, per questa settimana, è stata sospesa la raccolta del vetro. Intanto anche il punto H 24 chiuderà, come tutti i bar, alle ore 18. Finora il punto, per vendita di bibite e merendine, è stato accessibile H 24. La chiusura alle ore 18 di H 24 stabilita con ordinanza del sindaco Salvuccio Messina. “PRESO ATTO – si legge nell’ordinanza sindacale – dello stato di emergenza relativo al rischio di contagio da COVID-19 persistente in tutto il territorio nazionale e richiamate le norme e le ordinanze governative in materia; PRESO ATTO dell’incremento dei casi di positività al COVID-19 registrato in questo Comune e l’evolversi della situazione epidemiologica che riveste carattere di particolare criticità; RILEVATO che nei pressi degli esercizi automatici H24, si verificano situazioni di concentrazione e di aggregazione di giovani con mancata osservanza dell’obbligatorio distanziamento interpersonale che causano pericolosi assembramenti fino a tarda serata, in palese violazione della suddetta vigente normativa; RAVVISATA la necessità di disporre e di adottare, in coerenza con la ratio che ispira i provvedimenti emergenziali richiamati, misure utili per contrastare comportamenti che possano aggravare situazioni di concentrazione e di aggregazione di persone con la
mancata osservanza dell’obbligo di distanziamento interpersonale; RITENUTO che le situazioni di fatto e di diritto fin qui esposte giustificano condizioni di eccezionalità per l’emissione di tale provvedimento e che lo stesso è suscettibile di superamento in base alle eventuali e future misure assunte a livello nazionale e/o regionale; VISTO l’art. 50 del D.Lgs 18/08/2000 n. 267; VISTO lo Statuto Comunale; RICHIAMATA la normativa in premessa; O R D I N A
Per tutto quanto sopra esposto, che qui si intende integralmente riportato, dal giorno 8 aprile 2021, fino a nuove disposizioni, la chiusura, dalle ore 18:00 alle ore 5:00 del giorno seguente, di tutti i distributori automatici h24 di alimenti e bevande presenti sul territorio comunale, con spegnimento degli apparecchi qualora l’accesso agli stessi non possa essere altrimenti impedito. AVVERTE che, in caso di violazione delle disposizioni contenute nel presente provvedimento, trova applicazione la sanzione amministrativa pecuniaria – prevista dall’art. 4, Comma 1 del D.Lvo 19/2020 convertito in legge 22 maggio 2020, n. 35, richiamato dall’art. 2 del D.L. 16
maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, in legge 14 luglio 2020, n. 74 – da 400 a 1.000 euro. Se la violazione è commessa nell’esercizio di una attività di impresa, si applica la misura accessoria della chiusura dell’esercizio o della attività da 5 a 30 giorni.
In caso di reiterazione delle stessa violazione, la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima. “La situazione rimane preoccupante – dice il sindaco Salvuccio Messina – e si raccomanda sempre una strettissima osservanza delle norme anticovid e di rimanere a casa quanto più possibile”. “Si rammenda – aggiunge il sindaco Salvuccio Messina – che siamo sempre in zona rossa”. E aggiunge: “Ci possiamo ritenere fortunati perché su 946 casi esaminati sono risultati positive soltanto otto persone. Si tratta, all’incirca, di due-tre nuclei familiari. Quello che ci dispiace è il fatto che il numero di 56 ancora non è diminuito e quindi si raccomanda sempre la massima prudenza”. E conclude: “Non dimentichiamo che siamo sempre in zona rossa. Stiamo stringendo quando più possibile la situazione nella speranza che la situazione Covid possa migliorare nel più breve tempo possibile”. GAETANO MILINO

Previous ROMA. Bando Sud, Giarrizzo (M5S): “Arrivano 497 assunzioni in Sicilia, a lavoro per favorire occupazione giovanile.
Next BARRAFRANCA. Barresi che si distinguono.