BARRAFRANCA. Nominato, dal presidente della Regione Nello Musumeci, il commissario in sostituzione del consiglio comunale dimissionario.

BARRAFRANCA. Nominato, dal presidente della Regione Nello Musumeci, il commissario in sostituzione del consiglio comunale dimissionario.

BARRAFRANCA. È il segretario generale in quiescenza Calogero Sirna.  Il provvedimento porta la firma del presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e dell’assessore regionale alle Autonomie Locali Bernadette Grasso. La nomina del commissario in sostituzione del consiglio comunale che si era dimesso. Il 29 luglio scorso la dottoressa Anna Giunta, segretario generale del Comune di Barrafranca, aveva comunicato alla Regione Sicilia delle dimissioni di dodici consiglieri comunali su un totale di 16. Il presidente della Regione ha preso atto delle dimissioni e decretato lo scioglimento del consiglio comunale di Barrafranca. “Considerato che le contestuali dimissioni della metà dei consiglieri assegnati al Comune – si legge nel provvedimento del presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci – provocano lo scioglimento del consiglio poiché determinano la riduzione della composizione del Consiglio stesso in misura tale da non consentire il raggiungimento del numero legale minimo per la funzionalità dell’organo”. Si deve prendere atto – si legge nello stesso provvedimento del presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci – della decadenza del consiglio comunale di Barrafranca e contestualmente provvedere alla nomina del commissario straordinario in sostituzione dell’Organo decaduto, fino alla naturale scadenza dell’Organo naturale”.  Il sindaco di Barrafranca Fabio Accardi afferma: “Ci è stata notificata la nomina del commissario che sostituisce il consiglio comunale decaduto dopo le dimissioni della maggioranza dei consiglieri comunali. “Attendevamo con ansia – aggiunge il sindaco Fabio Accardi – questa nomina. In questi ultimi giorni abbiamo più volte chiamato l’ufficio di gabinetto del presidente perché è il presidente che decreta la nomina su segnalazione dell’assessore alle Autonomie Locali. L’urgenza, per il nostro Comune, è quella di potere approvare tutti quegli atti successivi all’approvazione del’ipotesi di bilancio stabilmente riequilibrato avvenuta nel gennaio 2020 e chi dà alcune indicazioni che vanno approvate ed anche una tempistica che abbiamo avuta prorogata a causa del’emergenza Covid, ma, entro il 30 settembre, dovremo approvare tutti i consuntivi fino al 2018 e preventivo e consuntivo del 2019 che vanno fuori dal dissesto e anche il 2020”. Il sindaco Fabio Accardi aggiunge: “Naturalmente, dopo le dimissioni del consiglio comunale, abbiamo avuto un mese circa di vacatio e che è pesante per il nostro Comune perché  molti provvedimenti che sono fermi al consiglio comunale non possono essere approvati proprio perché manca l’organo consiliare”. Il sindaco Fabio Accardi continua: “Ci auguriamo che questo commissario si insedi al più presto, prenda subito contezza delle problematiche del nostro Comune che sono tante ed abbastanza complesse. Io ho avuto con lui una conversazione telefonica giusto per conoscerci ed ho avuto l’impressione di trovarmi di fronte ad una persona altamente qualificata e preparata – si tratta, infatti, di un segretario in quiescenza che conosce bene la materia dei Comuni in dissesto perché ha seguito tanti altri Comuni in dissesto come il nostro e quindi sono certo che la sua presenza sarà fattiva e collaborativa con l’amministrazione”. “Quindi ora attendiamo – conclude il sindaco Fabio Accardi – il giorno del suo insediamento e ci auguriamo che si metta subito al lavoro per potere completare alcuni degli iter che sono fermi a causa delle dimissioni dei consiglieri comunali”. GAETANO MILINO

Previous PIETRAPERZIA. Due decespugliatori già acquistati dal Comune. Nel taglio delle erbacce impegnati lavoratori del reddito minimo.
Next BARRAFRANCA. Soppressione corse autolinee. Lettera del sindaco Fabio Accardi.