Barrafranca. Il sindaco Accardi sulle dimissioni: “Svuotare l’Ente Locale degli apparati politici non è una cosa bella”

Barrafranca. Il sindaco Accardi sulle dimissioni: “Svuotare l’Ente Locale degli apparati politici non è una cosa bella”

BARRAFRANCA. A rassegnare le dimissioni sono stati gli assessori Danila Flammà e Giuseppe Aiello, entrambi del Pdr. La giunta del sindaco Fabio Accardi ora conta due assessorti su quattro. Sono infatti rimasti in carica Calogero Pistone e il vicesindaco Giovanni Patti.

Intanto il sindaco Fabio Accardi afferma: “Sulle dimissioni dei 12 consiglieri su 16, io dico, come in passato in sede di riunione di gruppo e con tutti i consiglieri comunali, ho rappresentato il mio pensiero che era quello che non condividevo questa scelta delle dimissioni non solo per quanto riguarda l’amministrazione comunale e il sindaco ma anche per quanto riguarda il consiglio comunale perché, in un momento così delicato e difficile per il nostro Comune, svuotare l’Ente Locale degli apparati politici non è una cosa bella sia per quanto riguarda le proposte che si devono portare avanti per il nostro Comune – tra cui l’approvazione dei bilanci e del piano finanziario dei rifiuti, l’approvazione della Tari – tutta una serie di strumenti che sono importanti per portare avanti il nostro Comune, ma anche per non esporre il nostro Ente Locale a possibili avarie dall’esterno, segnale non sicuramente bello”.

Il sindaco Fabio Accardi continua: “Anche se non la condivido, però accetto la scelta dei consiglieri comunali. Si tratta di scelte quasi tutte personali e comprendo che, in un momento così difficile, ognuno abbia valutato in maniera diversa come comportarsi”. “Ringrazio – dice ancora il sindaco Fabio Accardi –  e rinnovo il ringraziamento al gruppo di Forza Italia e alla consigliera Vanessa Alessi Batù che hanno manifestato pubblicamente la solidarietà nei miei confronti e adesso si va avanti ugualmente cercando di dare le giuste risposte a tutte le istanze del nostro Comune. Ritengo che, in questo momento, anche se il mare è agitato e, come ho detto in conferenza di capigruppo ci troviamo in tempesta,  bisogna mantenere le braccia sul timone e portare avanti la nostra comunità”. Il sindaco Fabio Accardi continua: “Tra l’altro le elezioni sono quasi alle porte, manca meno di un anno alle elezioni regolari, quindi l’impegno che ci siamo presi con i nostri concittadini alle urne nel 2016, lo consegneremo, nel 2021, nuovamente nelle mani dei nostri concittadini che poi sceglieranno sulla base di quello che riterranno opportuno”. Sulle dimissioni dei due assessori il sindaco Fabio Accardi afferma: “Le dimissioni degli assessori era un atto dovuto in quanto il gruppo che li sosteneva in consiglio comunale, il Pdr, si era dimesso in toto e quindi stava nelle corde che anche gli assessori rassegnassero le dimissioni”. “È un atto dovuto proprio perché il gruppo consiliare Pdr che sosteneva i due assessori Danila Flammà e Giuseppe Aiello si è dimesso in toto. “Era quindi un atto dovuto – conclude il sindaco Fabio Accardi – che anche loro rassegnassero le dimissioni non avendo più la copertura politica che li rappresentava”. GAETANO MILINO                          

Previous Ultimo appuntamento con  il cartellone di “EnnaripArte”: questo venerdì alle 21 in scena al piazzale Euno (castello di Lombardia “ Risuono - Live Davide Campisi.”
Next ROMA. ANDREA GIARRIZZO (M5S) ELETTO VICEPRESIDENTE COMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA CAMERA: “GIÀ A LAVORO PER RAGGIUNGERE IMPORTANTI RISULTATI”