PIETRAPERZIA. Telegenova ieri ha ricordato Maria Di Gregorio ad un mese dalla sua scomparsa.

PIETRAPERZIA. Telegenova ieri ha ricordato Maria Di Gregorio ad un mese dalla sua scomparsa.

PIETRAPERZIA. Maria Di Gregorio  era l’ufficiale dello Stato Civile in pensione di Pietraperzia deceduta a Piazza Armerina dopo essere stata trasferita dall’Umberto I° di Enna senza tampone. La giornalista e conduttrice Sara Tagliente a Genova dall’altro lato della penisola, ha voluto omaggiare la figlia Chiara ancora straziata dalla drammatica e tragica perdita ricordando la sua amata mamma Maria nella trasmissione Teniamoci compagnia andata in onda verso le 11 di ieri mattina. La sensibilità della giornalista arriva da Genova fino a Pietraperzia dove video intervista l’amministrazione comunale in quanto la perdita della Signora Maria è una grave perdita per il paese intero, quindi il Vicesindaco Avvocatessa Laura Corvo e l’Assessore Chiara Stuppia, l’amico di famiglia Don Giuseppe Rabita e la vicina di casa che il 7 marzo sera la soccorse Dottoressa Rina Di Gloria (le soccorritrici erano due ma per eccesso di commozione Filippina Pergola ha preferito non essere intervistata).Sara Tagliente vuole sottolineare come queste dolorose perdite non sono solo dei numeri anonimi ma persone, che oltre ad essere amate dalla propria famiglia, sono amate e hanno avuto ruoli umani e sociali altamente coesivi all’interno della propria comunità, questo è proprio il caso della Signora Maria.Dai video racconti emerge commozione evidente del Vicesindaco Avvocatessa Laura Corvo che descrive la signora Maria Una Donna Allegra, Dolce, Solare ma allo stesso tempo Combattiva e Autonoma, citando anche il padre della Signora Maria, Angelo Di Gregorio, noto a Pietraperzia per l’impegno e per la difesa dei diritti degli ultimi, caratteristica che la signora Maria eredita in pieno dal padre. L’Assessore Chiara Stuppia  che ha modo di stringere una forte amicizia personale in parrocchia con la Signora Maria la descrive: “sempre con Parole Buone per tutti”, vicina soprattutto agli emarginati. A favore dell’accoglienza dei migranti seguendo i passi di Papa Francesco. Don Giuseppe Rabita, da sempre amico di famiglia, descrive la Forte Cristianità della Signora Maria, racconta del desiderio di farsi suora, poi madre e moglie esemplare, vicina a Santa Rita e la Madonna della Addolorata in cui si identifica, neocatecumenale, si iscrive e completa il corso di laurea in Scienze Religiose di Piazza Armerina dove non conclude solo con la tesi. Don Pino Rabita viene colpito dalla sua Straordinaria capacità di Perdonare senza limite alcuno. La Dottoressa Rina Di Gloria amica e vicina di casa: “come non sentire la sua presenza e la sua assenza”parole commoventi e toccanti che descrivono la Signora Maria,“Liberada pregiudizi e di esprimere la propria personalità, Forte nel perdono, nella generosità e nella fede matura”..” Preziosa per me.. mi mancherà”. Dalle testimonianze che la giornalista Sara Tagliente manda in onda da Pietraperzia emerge una Grande Donna che si è spesa tutta la vita per gli altri, una Donna con doti Umane Straordinarie, una donna che nessuno può dimenticare. Dalle interviste di Sara Tagliente si coglie tutto questo, per non dimenticarla e tenere vivo il suo ricordo. La figlia Chiara ringrazia Sara Tagliente e Telegenova, tutti gli intervistati che con commozione e affetto sincero testimoniano lo straordinario spessore umano dell’amata mamma. Chiara inoltre sottolinea sempre piena fiducia nella Procura di Enna e ringrazia La stazione dei Carabinieri di Piazza Armerina. É possibile rivedere questa commovente intervista sul sito di Telegenova e sulla pagina facebook della stessa, programma Teniamoci compagnia dal minuto 19 al minuto 24,47. GAETANO MILINO

Previous ROMA. Coronavirus. Dedalo Pignatone (M5S) presenta interrogazione alla Camera: “Consentire brevi passeggiate giornaliere ai disabili anche in aree diverse e/o distanti dalla propria residenza/domicilio.
Next Barrafranca. “…Io resto a casa e con C.I.R.S. vinco due volte…”  Sono le parole di Valentina, studentessa C.I.R.S