Barrafranca. Coronavirus, i consiglieri comunali scrivono al Presidente della Regione Sicilia

Barrafranca. Coronavirus, i consiglieri comunali scrivono al Presidente della Regione Sicilia

Barrafranca. La provincia di Enna è duramente colpita dalla epidemia del Coronavirus tanto da richiedere  attenzione particolare da parte delle istituzioni locali e regionali che in questo momento sono messe a dura prova e le impegnano oltre le proprie possibilità. I consiglieri comunali,  hanno sottoscritto una proposta al Presidente Musumeci per costituire una “Task Force” provinciale che coinvolga le Autorità Sanitarie, le Autorità Istituzionali, le Autorità Politiche, Le Forze dell’Ordine, la Protezione Civile e le Associazioni di Volontariato e che qualora essa fosse stata istituita ne si dia massima diffusione conoscitiva ai Consigli Comunali.

Al Presidente della Regione Sicilia

On. Sebastiano Musumeci

All’Assessore alla Sanità Regione Sicilia

Avv. Ruggero Razza

A Sua Eccellenza il Prefetto di Enna

Dott.ssa Matilde Pirrera

Al Commissario Straordinario del Libero Consorzio di Enna

Dott. Girolamo di Fazio

Al Direttore Generale Asp Enna

Dott. Francesco Iudica

e.p.c.All’On.Giarrizzo Andrea

All’On.Trentacoste Fabrizio

All’On.Pagana Elena

All’On .Lantieri Annunziata Luisa

Al sig.  Sindaco del Comune di Barrafranca

Prof.Accardi Fabio

Oggetto: Richiesta.

I Consiglieri Comunali del Comune di Barrafranca

PRESO ATTO

che dai dati diffusi dalle fonti di informazione ufficiali ed istituzionali e dalle testate giornalistiche, si evince:

  • che l’epidemia da infezione da “Coronavirus” sta subendo, nel nostro territorio provinciale, una impennata vertiginosa, specie se rapportata alle altre provincie della Regione Sicilia, in termini di estensione territoriale e soprattutto in relazione alla densità di popolazione;
  • che in atto pare, pur nel ringraziare tutto ” L’Apparato Sanitario Provinciale” per l’immane sforzo profuso al fine di contrastare l’epidemia e nell’osservare il massimo rispetto per l’operato svolto dalle “Autorità Sanitarie Provinciali”, che la diffusione dell’epidemia sia anche, verosimilmente, da relazionare ad una gestione sanitaria dei Presidi Ospedalieri la quale presenta evidenti criticità;
  • che i posti letto nei “Reparti di Rianimazione” dei Presidi Ospedalieri della nostra ASP, per quanto di nostra conoscenza, sono presenti in numero limitato
  • che ad oggi non risulta essere operativa, qualora istituita, una Task Force Provinciale che coinvolga le Autorità Sanitarie, le Autorità Istituzionali, le Autorità Politiche, Le Forze dell’Ordine, la Protezione Civile e le Associazioni di Volontariato;
  • che da giorni assistiamo ad azioni da parte dei Sindaci dei nostri Comuni volte alla difesa del proprio territorio che riteniamo lodevoli ma insufficienti a contenere la diffusione dell’epidemia

RITENUTO

Obbligo morale, prima che civile ed istituzionale mettere in atto quanto di nostra competenza a difesa dei concittadini che noi tutti rappresentiamo e di tutta la popolazione provinciale

SI PROPONE

 L’istituzione di una “Task Force” provinciale che coinvolga le Autorità Sanitarie, le Autorità Istituzionali, le Autorità Politiche, Le Forze dell’Ordine, la Protezione Civile e le Associazioni di Volontariato e che qualora essa fosse stata istituita ne si dia massima diffusione conoscitiva ai Consigli Comunali

  1. che vengano individuati  protocolli   condivisi  al  fine  di:
  • adottare ulteriori misure contenitive oltre alle disposizioni emanate dalla “Presidenza del Consiglio”;
  • fornire ulteriori risorse per il controllo del territorio da parte delle Forze dell’Ordine al fine di vigilare sul rispetto delle misure di contenimento vigenti;
  • redigere un piano di coordinamento sanitario provinciale che coinvolga tutte le strutture sanitarie territoriali ed ospedaliere in maniera tale che le due componenti del nostro sistema sanitario possano lavorare in sinergia e si possano condividere protocolli operativi unanimi da parte di tutti gli operatori, al fine di ridurre al minimo la diffusione del contagio.
  • predisporre, individuare e attrezzare ulteriori strutture sanitarie atte ad accogliere esclusivamente pazienti Covid.

Ci si associa, inoltre, alla richiesta del Presidente della Regione Sicilia alle Istituzioni preposte, a che si possa avere l’impiego delle Forze Armate nella nostra Regione e nella nostra Provincia.

 

Barrafranca, 30/03/2020

Con Osservanza

I Consiglieri Comuali del Comune di Barrafranca

Previous ROMA. CIFA alla ministra Catalfo: “Sì al riconoscimento di un ammortizzatore sociale unico di immediata erogazione
Next Coronavirus, Buoni spesa, entro le 14 del 2 aprile le adesioni dei negozi di generi alimentari