BARRAFRANCA. Contenitori per la differenziata alla villa comunale “Francesco Ferreri”.

BARRAFRANCA. Contenitori per la differenziata alla villa comunale “Francesco Ferreri”.

  BARRAFRANCA. Sono stati collocati su volere dell’amministrazione comunale del sindaco Fabio Accardi. Finora, nel parco urbano di viale Generale Cannada, discesa Catena, c’erano solo bidoni dove collocare “il materiale” in maniera indifferenziata. I bidoni, differenziati per colore, per sistemare, in maniera separata, carta, plastica, alluminio organico, Sono stati sistemati in varie parti del parco cittadino. A breve saranno collocati contenitori per la differenziata anche in altri spazi pubblici. Intanto continua in maniera egregia il servizio di raccolta porta a porta.

La gente risponde positivamente e la percentuale di raccolta differenziata aumenta in maniera esponenziale. Ad oggi la percentuale di attesta al 69,30 per cento. Giovanni Patti, assessore al parco urbano, afferma: “Invitiamo gi utenti della nostra villa comunale ad effettuare la raccolta differenziata”. “Il nostro auspicio – conclude l’assessore Patti – che da oggi in poi non si vedano più rifiuti per terra. Differenziamo per avere luoghi puliti ed un ambiente più sano”.

L’assessore all’Ambiente Alessandro Ragusa dichiara: “Continua la campagna di sensibilizzazione  per la differenziata”. “Oltre alla villa comunale Francesco Ferreri – continua l’assessore Alessandro Ragusa – anche gli altri spazi pubblici, a breve, saranno forniti di contenitori per la raccolta differenziata”. E conclude: “Questo di consentirà di raggiungere livelli, in percentuale di raccolta differenziata, ancora più alti. Nel mese di maggio, con il 69,30 per cento, abbiamo ottenuto il migliore risultato da quando è cominciato il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti. il nostro obiettivo è quello di superare il 70%”. GAETANO MILINO

Previous Salotto artistico-letterario “Civico 49” presenta i dipinti del pittore barrese Vigi (Giuseppe Vicari)
Next ENNA. Il 22 giugno arrivano a Enna i bambini della 53ª accoglienza di bambini bosniaci.