Il barrese Finestra regala i suoi disegni per dare un nuovo “look” alla clinica pediatrica dell’Ismett di Palermo

Il barrese Finestra regala i suoi disegni per dare un nuovo “look” alla clinica pediatrica dell’Ismett di Palermo

Dopo gli ospedali di Enna, Caltanissetta e Catania arriva anche Palermo

I suoi quadri che regala con figure rivolte ai bambini arrivano anche all’Ismett di Palermo in occasione della nuova apertura del reparto di pediatria. Oltre che ad Enna, Caltanissetta e Catania anche Palermo accoglie nella clinica pediatrica alcuni disegni realizzati da Giuseppe Finestra. Nei primi tre ospedale le cui figure danno ai bambini l’illusione del surreale tali fa incentivare la loro fantasia. L’idea di donare la prima volta questi disegni da parte di Giuseppe Finestra fu ad Enna dove nel reparto di pediatria fu ricoverata la figlia per cui ritenne opportuno fare il nuovo look nelle stanze dopo che l’ospedale ha acconsentito. Adesso dopo diversi ospedali i disegni arrivano anche a Palermo. I disegni sono stati consegnati al direttore sanitario dell’Ismett di Palermo, dott. Cinzia Di Benedetto e la dott. Patrizia Finazzo. “ Siamo stati contattati – afferma Giuseppe Finestra – in occasione della nuova apertura di un reparto di pediatria dell’ospedale Ismett di Palermo e con molto piacere abbiamo voluto donare i miei disegni. Adesso i dieci disegni sono appesi nelle pareti e danno quel tocco magico al reparto”. Giuseppe Finestra, 42 anni, è un lavoratore precario dei cantieri di servizio e con la moglie Stefania Cancilleri, coltiva la passione per i disegni e le immagini realizzate sono apprezzate da quella fascia giovanile come i bambini.
“ Per me è piacevole donare questi disegni di fantasia – afferma il barrese Giuseppe Finestra – in luoghi dove i bambini devono passare più tempo come l’ospedale e a secondo della diagnosi. Devo dire che ho trovato disponibilità anche da parte dei primari dopo che ho proposto di donare i miei elaborati”. Le 10 immagini donate all’Ismett di Palermo, riferito da diverse persone, portano il buon umore e il sorriso e Giuseppe Finestra vuole dedicarli ai bambini ma anche a chi in quel luogo del reparto si dedica con la professionalità nell’aiutare i bambini in difficoltà.

Previous Emergenza acqua nell'invaso Olivo, l'amministrazione Accardi chiede intervento alle istituzioni competenti
Next Siciliani e Sicilianità- la storia delle TESTE DI MORO