“Antartide e cambiamenti climatici”: una Mostra sulla Salvaguardia del Creato al Museo Diocesano sulla scia della Laudato si’

“Antartide e cambiamenti climatici”: una Mostra sulla Salvaguardia del Creato al Museo Diocesano sulla scia della Laudato si’

Inaugurazione al museo Diocesano di Piazza Armerina il 13 maggio alle ore 17

Una Mostra su “Antartide e cambiamenti climatici” sarà allestita presso il Museo Diocesano di Piazza Armerina. La cerimonia di inaugurazione è prevista sabato 13 maggio 2017, alle ore 17.
L’evento, organizzato nel contesto delle imminenti celebrazioni del Bicentenario della Diocesi di Piazza Armerina (istituita da Pio VII il 3 luglio 1817) si collega all’Enciclica “Laudato si’” di Papa Francesco sulla “Salvaguardia del Creato” e dell’Anno Santo straordinario, appena concluso e intende approfondire i contenuti con le migliori strategie della didattica attiva, facendo scoprire la bellezza della natura ancora incontaminata, come perfettamente testimonia l’équipe di scienziati internazionali in Antartide.
La mostra, coordinata da mons. Antonino Scarcione, Direttore dell’Ufficio diocesano per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso e per la Salvaguardia del Creato, si giova, tra l’altro, di proiezioni di video inediti, “catturati” nel famoso Continente Bianco, di pannelli concettuali, della ricostruzione, di dimensione 1/1 del cranio dell’ unica specie di dinosauri, trovato in Antartide, il “Cryolophosaurus ellioti” e di reperti (Rocce, licheni, fossili, lamellibranchi e bivalvi, tronchi fossilizzati…). “L’obiettivo – afferma il prof. Antonio Mirabella, curatore della mostra, uno scienziato, che ‘legge’ la propria rischiosa missione scientifica in Antartide anche come un feedback all’appello del S. Padre per salvare il pianeta – è quello di far conoscere il grave danno, che stiamo arrecando a tutto il creato, col nostro arrogante modo di ‘usare’ madre natura”.
Alla cerimonia di inaugurazione è previsto l’intervento, in videoconferenza intercontinentale, del prof. Sergio Bravo Escobar, Magnifico Rettore dell’Universitad de La Frontera (Cile) e l’intervista agli organizzatori di radio Antartide di Buenos Aires. Sono previsti inoltre la presenza di Piero Angela e servizi radiotelevisivi.
Destinatari dell’iniziativa sono gli alunni degli Istituti e delle Scuole di ogni ordine e grado della Città e della Regione. Cittadini italiani e stranieri, turisti e visitatori.
I materiali di diffusione, i depliants e i video della Mostra saranno disponibili in inglese, spagnolo e italiano. Gli studenti potranno partecipare a ricerche e lezioni nelle apposite sale. Sono previsti inoltre concorsi per allievi delle elementari, medie e superiori.
La mostra si protrarrà fino al 30 novembre 2017. Orari di visita: da giovedì a domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

La Mostra è stata esposta nel salone Linneo dell’ Orto Botanico di Palermo, attualmente si trova nel salone centrale dell’Oceanografie della Città delle Arti e delle Scienze di Valencia in Spagna. A dicembre, invece, la Mostra sarà esposta alle scuderie del Palazzo del Quirinale.

Invito Mostra AntartideL’immagine dell’invito
L’invito contiene l’immagine di un iceberg dell’Antartide. “È la metafora – dichiara mons. Scarcione – dell’indifferenza umana mentre la “casa comune” (Papa Francesco) sta per “rovinare”, irreparabilmente. Ci siamo occupati, nel Giubileo e nella storia della chiesa che è in Piazza Armerina, delle Sette opere di Misericordia. Il S. Padre ci sollecita a “scoprire” l’ottava opera di Misericordia – la Cura per il Creato – da collocare accanto alle cura per i poveri, affamati, assetati…”.

Previous Il sindaco Accardi invia nota al direttore dei lavori di viale Generale Cannada per il ritardo nel consegna dell'opera
Next Siciliani e Sicilianità- La Cattedrale sotterranea di sale