Il sindaco Accardi invia nota al direttore dei lavori di viale Generale Cannada per il ritardo nel consegna dell’opera

Il sindaco Accardi invia nota al direttore dei lavori di viale Generale Cannada per il ritardo nel consegna dell’opera

Il sindaco Accardi ha inviato al direttore dei lavori una nota per essere informato sullo stato dell’ esecuzione lavori di mitigazione del rischio Bivio Catena e messa in sicurezza del Viale Gen. Cannada.

Ecco di seguito la richiesta a firma del sindaco Accardi:

In riferimento ai su detti lavori;
Considerato il lasso di tempo ormai trascorso dalla data prestabilita del 12.04.2017 fissata per la fine dei lavori,
– Tenuto conto che nessuna determinazione è stata assunta dal direttore dei lavori per consegnare l’opera ultimata secondo le previsioni progettuali e le varianti approvate dalla S.A.
– Dato atto che non è stata prodotta alcuna relazione sull’andamento dei lavori come previsto dall’Art. 2 del disciplinare di incarico del direttore dei lavori sottoscritto in data 07.03.2012.
– Sottolineato che il perdurare della chiusura di viale Gen. Cannada per ritardi non ascrivibili a cause oggettive sta arrecando gravi disagi alla collettività tutta ed in particolare sta danneggiando gravemente l’economia degli esercizi commerciali che insistono sul Viale.
È stata inviata una ulteriore nota in data 02.05.2017 al direttore dei lavori al fine di avere chiarimenti sul l’esecuzione dei lavori. Contestualmente, è stata informata la Stazione Appaltante delle inadempienze riscontrate sui tempi di esecuzione dei lavori. Se le richieste presentate dall’ufficio dovessero essere disattese, l’amministrazione comunale si riserva di diffidare il direttore dei lavori e la stazione appaltante ad accelerare nell’esecuzione dei lavori al fine di riconsegnare l’importante arteria stradale alla cittadinanza.

Il sindaco
Fabio Accardi

Previous Inizi festeggiamenti in onore di Sant'Alessandro, patrono di Barrafranca
Next "Antartide e cambiamenti climatici": una Mostra sulla Salvaguardia del Creato al Museo Diocesano sulla scia della Laudato si’