“Quartine da passeggio”: il nuovo libro del barrese Carmelo Orofino

“Quartine da passeggio”: il nuovo libro del barrese Carmelo Orofino

“Quartine da passeggio. Frammenti lirici- epigrammi- aforismi- poesie al vento”. Questo è il titolo dell’ultima fatica letteraria del barrese Carmelo Orofino, da poco in edicola e  su Mondadori Store e La Feltrinelli.it.  Come precisa lo stesso autore nel suo profilo facebook: “È la nuova edizione dell’e-book “Quartine alla fragola” del 2013, riveduta, corretta e notevolmente ampliata. E’ un libro nato su facebook e dedicato agli amici di questo social.”

Il libro si compone di una lunga collana di quartine legate da un filo di voce sommesso e suadente. Queste brevi composizioni, a carattere lirico, epigrammatico, gnomico e didascalico, sono il frutto tardivo e quasi involontario di una lunga, appassionata, frequentazione con la più nuda e disarmata delle muse. Sono pensieri divenuti cicatrici, schegge di un poema non scritto, relitti di un naufragio inevitabile, bolle di sapone, fragole di bosco. Chi le ha lette, su un noto social network, vi ha ritrovato spesso i propri stati d’animo e ne ha apprezzato i riferimenti letterari. Consapevole dell’ininfluenza della poesia in tanta parte della cultura contemporanea, l’autore ha scelto per questa raccolta, il titolo di “Poesie da passeggio”, quasi a suggerire un consumo/fruizione “dilettevole”. Si potrebbe, con queste quartine, inaugurare una nuova categoria merceologica: quella delle “poesie da dessert” e dei “carmi da passeggio”.

Carmelo Orofino è un professore di Lettere in pensione, che ama tanto la poesia, l’arte e tutto ciò che è creatività. Nasce a Enna nel 1949. Per anni ha insegnato materie letterarie presso la Scuola media e il Liceo Falcone di Barrafranca. Ha collaborato con il quotidiano  “La Sicilia” ed è stato responsabile della terza pagina della rivista “Orizzonti”. Tante le sue pubblicazioni: dal libro storico “Barrafranca. La storia, le tradizioni, a cultura popolare”, scritto con l’amico Salvatore Licata, a opere di poesia, saggistica e narrativa, come “L’Isola di Calipso”; “Di un usuraio ennese”; “L’uomo che bruciò la cattedrale” (romanzo); “L’amore nell’età del pane”; “Ricordanze fotografiche”; “Canti popolari nel territorio di Barrafranca”; “Uomini si fa per dire”. Pubblica nel 2013 l’e-book “Quartine alla fragola”. Ha composto, assieme al compianto don Alessandro Bernunzo, i testi in vernacolo barrese della rappresentazione “Vasacra” che si svolge ogni anno a Barrafranca  il Mercoledì Santo. E’ membro del Salotto artistico-letterario “Civico 49” di Barrafranca. Inoltre ama tanto dipingere.

Rita Bevilacqua

Previous Francesco Pantusa e Giuseppe Bonasia, duo vincente, gli inediti spopolano sul web
Next Roberto Caputo, la sua arte incontra Dolce & Gabbana