Il Salotto artistico letterario “Civico 49” ospita il giovane artista Giuseppe Salamone

salotto-artisticoletteraio-con-g-salamone-9Il Salotto artistico-letterario “Civico 49” di Barrafranca (EN) continua la sua opera di valorizzazione e promozione di personaggi barresi e non,  che si distinguono nei diversi campi culturali. Nella riunione di giovedì 22 settembre 2016 il Salotto ha avuto l’onore di ospitare il giovane barrese Giuseppe Salamone, conosciuto per le sue doti di violinista, pittore e attore. Per l’occasione sono stati invitati, oltre ai membri, anche i simpatizzati del Salotto. Dopo una breve introduzione del padrone di casa Gaetano Vicaria, che ha definito l’ospite “Il figlio che tutti vorremmo avere”, a presentare Giuseppe è stata Rita Bevilacqua, che ne ha tracciata una breve biografia. Nella sua esibizione, il giovane artista è stato accompagnato alla chitarra dall’amico Yuri Amorelli, che frequenta il Liceo Falcone di Barrafranca e contemporaneamente studia chitarra al conservatorio “V. Bellini” di Caltanissetta. Insieme hanno eseguito i seguenti brani: un loro arrangiamento di “Marchinha de carnaval” di C. Machado; “Libertango” di A. Piazzolla e l’arrangiamento di D. Galvez di “Starway to heaven” dei Led Zeppelin. Giuseppe si è esibito da solista con un brano per violino dal titolo “Sur le Fill” di Y. Tiersen, mentre Yuri Amorelli in un assolo di chitarra con il brano “La Cathedral” di A. Barrios. Tra un’esecuzione e l’altra, Giuseppe ha presentato ai presenti tre dei suoi innumerevoli quadri: un tramando dal titolo “Sguardo su Assisi”; “Disperazione courbettiana”, omaggio a Courbet e “Tra luci ombre e colori”. Per finire è stato proiettato un thriller del musical sulla vita di san Francesco, realizzato nel 2012 dall’Associazione salotto-artisticoletteraio-con-g-salamone-7GIOVANI INSIEME, di cui Giuseppe è stato il protagonista principale.

Bellissima serata tra arte e musica di alto livello, dove i partecipanti hanno potuto apprezzare le doti di entrambi i giovani artisti. A conclusione un fuori programma: i due giovani si sono esibiti nell’esecuzione del brano “Nicuzza” dei Tinturia, cantata da Giuseppe.

Giuseppe Salamone nasce a Piazza Armerina il 13 Aprile 1997, da Luciano Salamone e Giuseppina Gulino. Fin dall’infanzia rivolge notevole interesse per tutto ciò che riguarda l’arte. Già piccolissimo prende in mano matite colori e pennelli mostrando una spiccata creatività. Affascinato dal suono della chitarra, si avvicina alla musica imparando dal padre e proseguendo da autodidatta. Si accosta al pianoforte sempre da autodidatta ma quando conoscerà il violino, la sua passione musicale si affermerà. Durante il periodo della scuola primaria accresce la sua voglia di arte, influenzato notevolmente dall’insegnante Cettina Bonincontro che riconosce in lui un talento, è spinto, infatti, a frequentare un corso di pittura estivo tenuto dalla pittrice Angela Ingala. E’ il 2008, all’età di undici anni, quando partecipa alla prima mostra collettiva di pittura: “L’arte e i suoi piccoli maestri”, presentando le sue prime opere. Nello stesso anno inizia a studiare violino alle scuole medie con il Maestro Vincenzo Diaferio che saprà trasmettere, grazie al suo carisma prorompente, la voglia di suonare sempre meglio. Ottiene diversi premi e riconoscimenti, partecipando a concorsi nazionali e internazionali. Durante i tre anni delle scuole medie, non si lascia scappare rappresentazioni teatrali e ovviamente non lascia fermi i pennelli.  Nel 2011 inizia il percorso di studi liceali, presso il liceo artistico “Filippo Juvara” di San Cataldo, ma poiché non soddisfatto dalla preparazione ricevuta, si trasferisce e inizia il secondo anno al liceo scientifico “G. Falcone” di Barrafranca, del quale sarà, in seguito, rappresentante d’istituto. Frequenta il liceo e nel contempo il conservatorio “V. Bellini” di Caltanissetta. In quel periodo nasce a Barrafranca il progetto musicale “Orchestra dei licei”, nel quale rivestirà il ruolo di primo violino. Conclude il suo percorso di studi d’istruzione secondaria, diplomandosi con il voto di 99/100. Mosso da spirito umanitario, frequenta l’associazione “Giovani Insieme” che si occupa principalmente di volontariato e della quale diverrà, successivamente, presidente. Partecipa a diversi spettacoli teatrali, nel 2012 esordirà come protagonista nel Musical sulla vita di Francesco d’Assisi realizzato dalla suddetta associazione; ha anche ricoperto, per un anno, la carica di vicepresidente dell’Associazione “LiberArte Barrafranca”. Nel 2015, partecipa come attore, alla realizzazione di un film, “Redenzione”, del regista Pippo Campagna, interpretando il ruolo dell’apostolo Tommaso, film in fase di completamento. Giuseppe ha deciso di continuare gli studi presso l’Accademia di belle arti di Catania, scegliendo l’indirizzo: “Nuovi Linguaggi della pittura”.

Rita Bevilacqua

Previous Coltivavano Marijuana, i fratelli Canale a processo
Next Incrementare la videosorveglianza e l'illuminazione in zone periferiche