L’attore Gaetano Ingala ospite d’onore del Salotto artistico-letterario “Civico 49”

Gaetano Ingala ospite al Salotto artistico- letterario "Civico 49"Barrafranca (EN). Dopo la pausa pasquale, martedì 29 marzo 2016 è ripresa l’attività del Salotto artistico-letterario “Civico 49”. Anticipata per consentire all’ospite invitato di partecipare, il Salotto ha avuto l’onore di ospitare l’attore barrese Gaetano Ingala, accolto con simpatia e cordialità dai membri del Salotto. Ingala, che attualmente vive a Roma, si è fatto conoscere e apprezzare dal pubblico barrese con lo spettacolo da lui ideato “Ad esempio a noi piace il sud”, andato in scena dal 3 al 5 gennaio 2016 nell’auditorium del Liceo Falcone di Barrafranca, e che ha riscosso grande successo di pubblico e di critica. Svolge la sua attività di attore e di autore prevalentemente in teatro, ma dopo il successo di “Amore Criminale” su Rai 3, apparirà ancora una volta in televisione su Rai 1 con una partecipazione straordinaria nella fiction “La mafia uccide solo d’estate” del regista siciliano Pierfrancesco Diliberto in arte PIF. Di recente ha insegnato recitazione presso l’Accademia “Le Ribalte” del direttore artistico Enzo Garinei presso il teatro Ambra alla Garbatella di Roma, Gaetano Ingala ospite al Salotto artistico- letterario "Civico 49"e dal prossimo anno sarà docente presso l’Accademia del Fortissimo di Roma. Inoltre sta per conseguire la seconda laurea in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale alla facoltà di Lettere e Filosofia presso l’Università di Roma tre.

Durante la piacevole e cordiale discussione con i membri del Salotto, Ingala ha parlato di come è nata la sua passione per la recitazione e per il teatro, delle remore che ha trovato in coloro che gli erano vicini, delle difficoltà che ha dovuto superare durante i primi tempi e dopo. Grazie alla sua passione, alla sua caparbietà e alla sua tenacia, sta conseguendo passo dopo passo dei progressi che lo stanno facendo emergere, se pur tra tante difficoltà, nel vasto e difficile mondo dello spettacolo. Ha parlato del complesso rapporto di amore e odio che nutre nei confronti  dell’ambiente barrese che, al momento attuale, non offre alcuno stimolo culturale e costringe i nostri giovani “geni” ad andare fuori per emergere: vedi Fortunato Zampaglione, di Paolo Russo, di Stefano Cumia e altri… Tanti i momenti di soddisfazione che il nostro attore sta ricevendo, grazie alla sua passione per la recitazione e al continuo e costante impegno sul lavoro, pur rimanendo cosciente di quante difficoltà ancora l’aspettano. Gaetano Ingala ospite al Salotto artistico- letterario "Civico 49"Inoltre ha confessato che per seguire il suo sogno ha dovuto rinunciare a un posto fisso e sicuro. A conclusione della serata, Ingala ha recitato alcuni brani tratti dal suo spettacolo “Per esempio a noi piace il sud”, e ha dato prova della sua bravura leggendo magistralmente la pagina di un libro, che vedeva per la prima volta.

I membri del Salotto artistico-letterario “Civico 49” si sentono in dovere di ringraziarlo, per aver consentito di realizzare una riunione di alto valore culturale, durante la quale arte, poesia e spettacolo si sono coniugate tra loro, in uno scambio d’idee proficuo di sviluppi futuri. Il Salotto si ripromette di ripetere queste serate speciali che avranno come ospiti d’onore personaggi validi in ogni campo culturale, soprattutto giovani.

Fonte e foto Gaetano Vicari

Rita Bevilacqua

Previous Piazza Armerina. Un arresto per violazione alle prescrizioni alla sorveglianza speciale
Next 1 aprile- tradizione del PESCE D’APRILE