Presentazione ad Agira (EN) del volume L’ISOLA PIU’ BELLA. La Sicilia nella “Biblioteca Storica di Diodoro Siculo” del professor Calogero Miccichè

Sabato 24 ottobre 2015 alle ore 17.30 presso il Circolo Sociale Argyrium, sito in Via Vittorio Emanuele, 323 di AGIRA, si svolgerà la presentazione del libro del professor Calogero Miccichè L’ISOLA PIU’ BELLA. La Sicilia nella “Biblioteca Storica” di Diodoro Siculo, pubblicato da Edizioni Lussografica. Saranno presenti all’evento Orazio Mauceri, presidente del Circolo Sociale Argyrium; avv. Maria Gaetana Greco, sindaco di Agira; prof. Roberto Sammartano, Università degli Studi di Palermo; prof. Emilio Galvagno, Università degli Studi di Catania; dott.ssa Graziella Trovato, direttrice Biblioteca Comunale di Agira. Il volume raccoglie tutti i passi che riguardano la Sicilia presenti nell’opera di Diodoro Siculo. E’ noto, infatti, quanto importante sia la “Biblioteca Storica” come fonte per la ricostruzione della storia dell’isola. All’interno della sua opera in 40 libri lo storico di Agira riserva ampio spazio alla Sicilia del mito, alla Sicilia greca dalla tirannide di Falaride a quella di Ierone II, alla Sicilia romana dalle guerre puniche sino alla rivolta degli schiavi. La traduzione dei passi è accompagnata da un ampio apparato di note esplicative che costituiscono un esauriente commento e un’utile discussione delle vicende, dei personaggi, delle problematiche legate al testo diodoreo. Nel corso dell’incontro saranno presentate anche le antiche edizioni dell’opera diodorea (sec. XVI – XIX) conservate presso la Biblioteca Comunale P. Mineo di Agira.

La Bibliotheca historica è un’opera di storia universale scritta da Diodoro Siculo (90 ca – 20 ca a.C.), storico greco di Agirio (Agira) vissuto tra l’80 e il 20 a. C. Consisteva di quaranta libri, suddivisi in tre sezioni. I primi sei libri sono di argomento geografico, e descrivono la storia e la cultura di Egitto (libro I), Mesopotamia, India, Scizia e Arabia (II), Nord Africa (III), Grecia ed Europa (IV – VI). La sezione successiva (libri VII – XVII) racconta la storia del mondo dalla guerra di Troia fino alla morte di Alessandro il Grande. L’ultima sezione (dal libro XVII sino alla fine) riguarda le vicende storiche dei successori di Alessandro, sino al 60 a.C. o all’inizio della guerra gallica di Giulio Cesare nel 59 a.C. (la fine dell’opera è andata perduta, quindi non è chiaro se Diodoro abbia trattato l’inizio della guerra gallica, come aveva promesso all’inizio del suo lavoro, o se, come sembra, vecchio e stanco dalle sue fatiche, si fermò al 60 a.C.). A noi sono giunti completi i primi 5 libri (sull’Egitto [libro I], sulla Mesopotamia, sull’India, sulla Scizia e sull’Arabia [II], sull’Africa settentrionale [III], sulla Grecia [IV] e sull’Europa [V]) e i libri XI-XX (dal 480 e dai diadochi al 301 a.C.).

Previous Il vescovo Gisana agli atleti durante il Memorial Francesco Ferreri: "Saper spendere bene le proprie energie rischiando la verità"
Next Delegazione barrese alla Convention "Muovitalia 015"

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!