BARRAFRANCA. Angelo TAMBE’ Brigadiere capo Qualifica Speciale dell’Arma dei Carabinieri, va in pensione.

BARRAFRANCA. Angelo TAMBE’ Brigadiere capo Qualifica Speciale dell’Arma dei Carabinieri, va in pensione.

BARRAFRANCA. Il suo ultimo giorno di servizio martedì 31 maggio 2022. Dal giorno dopo, primo giugno 2022, AngeloTambé viene collocato in pensione. Molto ricco il suo curriculum. Il suo pensionamento arriva dopo 40 anni di onorato servizio. Numerosi gli incarichi prestigiosi di Angelo També nella Benemerita, anche all’estero. Lui, nato a Barrafranca il 31 maggio 1962, parla di sé a cuore aperto e senza remore. Questo quanto dice Angelo També: “Abito a Barrafranca, sposato con Cettina e padre di due bellissimi figli nonché nonno di tre stupendi nipoti. Ho abbandonato la scuola a 15 anni e ho lavorato come manovale in nero per 4 anni. Il 19 agosto 1981 a 19 anni, sono partito per Spoleto, chiamato a prestare il servizio obbligatorio di leva come Fante. Il 12 giugno 1982 sono partito per Campobasso, durante i mondiali di calcio, dove ho fatto il corso Allievi Carabinieri e, a fine settembre dello stesso anno, sono stato trasferito a Roma per prestare servizio presso la Compagnia Speciale Carabinieri”. “In questo periodo – continua Angelo També – sono stato selezionato per partecipare a un corso di lingua inglese della durata di 6 mesi organizzato dall’Arma dei Carabinieri, in previsione di un futuro impiego presso la costruenda Base NATO Comiso. A gennaio del 1986 fui trasferito al Reparto Carabinieri Sicurezza di Comiso per lavorare come addetto alla sicurezza della base NATO di Comiso congiuntamente alla US AIR FORCE. In questo Reparto sono stato addestrato e formato alle tecniche antiterrorismo da istruttori americani. Qui, oltre alla formazione professionale militare, ho avuto la possibilità di affinare e migliorare la conoscenza dell’inglese che e’ stata fondamentale per il futuro della mia carriera. Nella Base NATO di Comiso in quel periodo c’erano i missili Cruise a testata nucleare. In quegli anni, la base di Comiso era ritenuta una delle basi più importanti a livello strategico in Europa.

A seguito degli accordi bilaterali di “Non Proliferazione Nucleare” tra Unione Sovietica e Stati Uniti, sono stato testimone oculare dello smantellamento delle armi nucleari presenti a Comiso”. “Nell’agosto del 1991, dopo la chiusura della Base NATO di Comiso, mi trasferirono – dice ancora il brigadiere Angelo També – alla Stazione Carabinieri di Calascibetta. Dal’8 maggio 1992 al 23 giugno 1993 la mia prima missione di Peacekeeper – Casco Blu – per conto delle Nazioni Unite in Libano presso lo Squadrone Elicotteri Italiano come Military Police presso una compagnia di personale internazionale, con compiti di Polizia Militare. Qui ho avuto la possibilità di visitare, nel tempo libero, la Terra Santa. Rientrato a Calascibetta nel giugno del 1993 ci sono rimasto per circa 3 anni. Nel 1996 fui inviato in missione a Mostar – Bosnia Erzegovina, per conto dell’Unione Europea con il Reparto Carabinieri WEU-POLICE – MOSTAR – con compiti di Osservatore e Istruttore della polizia locale. Nel luglio del 1997 fui inviato in missione a Hebron (Palestina) con la TIPH (Temporary International Presence in the City of Hebron), Organizzazione sotto l’egida delle Nazioni Unite, con il compito di monitorare, osservare e riportare ai vertici dell’Organizzazione, con rapporti scritti e video documentati, le violazioni dei diritti umani dell’esercito israeliano nei confronti dei Palestinesi. Nell’agosto 1998 la mia ultima missione di Peacekeeper a Sarajevo con la MSU, Unita’ Multinazionale Specializzata dei Carabinieri, per conto della NATO, con compiti di Addetto alle relazioni con la Stampa e le Organizzazioni Umanitarie”. Angelo També dice ancora: “Nell’aprile del 1999, subito dopo il rientro da Sarajevo, fui trasferito, per quello che in quel periodo era il mio sogno nel cassetto, a Bruxelles presso la Rappresentanza Permanente d’Italia alla NATO, con compiti di addetto alla sicurezza di alte cariche militari e politiche italiane, per la durata di 4 anni circa, qui imparai la lingua francese. Nell’ottobre del 2003, mi trasferirono a Caltanissetta per prestare servizio presso il Nucleo Informativo Carabinieri del Comando Provinciale di Caltanissetta fino a settembre del 2017. A gennaio 2006, dopo avere vinto il concorso per Allievi Vice Brigadieri dell’Arma dei Carabinieri fui inviato a fare il corso presso la Scuola Allievi Brigadieri e Marescialli dei Carabinieri di Velletri fino al 25 maggio 2006. Nel settembre 2017, la ciliegina sulla torta, quando già mi stavo preparando al pensiero della pensione, il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, a seguito della mia partecipazione a un concorso interno, mi selezionò per trasferirmi alla Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite di New York, come addetto e responsabile alla sicurezza della Rappresentanza Italiana e di alte cariche Militari e politiche dello Stato Italiano. Questo si, supera di gran lunga tutti i miei sogni, vivere 3 anni e mezzo nella grande Mela e soprattutto a Manhattan, è qualcosa che va aldilà di tutti i sogni più belli e immaginabili”. Nel corso della sua carriera ha svolto numerosi incarichi, in Italia e all’estero, anche di particolare importanza e pericolo. Ha lavorato a fianco di alte personalità militari e politiche italiane e straniere. Ha lavorato per le maggiori Organizzazioni Internazionali del Mondo, ONU (New York), NATO e UNIONE EUROPEA (Bruxelles), grazie soprattutto alla preparazione professionale e alla conoscenza delle lingue inglese e francese. In ogni reparto e in ogni missione ha sempre ricoperto compiti e incarichi differenti, ed in ognuno ha imparato cose diverse, nel corso di queste esperienze, alcune belle altre meno. “Ho avuto – dice ancora Angelo També – momenti di paura, ho pianto, ho sofferto, ho sperato ed ho gioito, e, più di tutto, ho vissuto”. E aggiunge: “Il 31 maggio e’ l’ultimo giorno di servizio, vado in pensione consapevole di quello che ho fatto, orgoglioso di quello che ho imparato, di quello che ho vissuto e di quello che sono diventato, senza rimpianti, soddisfatto e felice di avere servito con onore la Patria e fatto parte della grande famiglia dell’Arma dei Carabinieri. Il brigadiere capo Angelo també conclude: “Voglio ringraziare pubblicamente mia moglie Cettina, i miei figli Veronica e Giuseppe, mio genero Rosario e i miei nipotini Angelo, Sofia e Sara, per avermi sempre supportato e, soprattutto, sopportato”. Le note biografiche di Angelo També:

  • 19 agosto 1981 – arruolato nell’esercito come Fante presso il 130* Btg motorizzato “PERUGIA” a Spoleto;
  • 12 giugno 1982 – 25 settembre 1982 – corso Allievi Carabinieri a Campobasso;
  • 26 settembre 1982 – 24 gennaio 1986 Compagnia Speciale Carabinieri di Roma;
  • 25 gennaio 1986 – Reparto Carabinieri Sicurezza di Comiso.
  • 2 agosto 1991 – 7 maggio 1992 – in servizio presso la Stazione Carabinieri di Calascibetta;
  • 8 maggio 1992 – 23 giugno 1993 – Squadrone Elicotteri Italiano di Naqoura – UNIFIL – LIBANO – come Military Police in una compagnia internazionale di polizia militare;
  • 24 giugno 1993 – 7 gennaio 1996 – Stazione Carabinieri di Calascibetta;
  • 8 gennaio 1996 – 22 ottobre 1996 -Reparto Carabinieri WEUPOL – MOSTAR – Bosnia Erzegovina, come osservatore per conto dell’Unione Europea nonché istruttore della nascente Polizia della Bosnia Erzegovina;
  • 23 ottobre 1996 – Stazione Carabinieri di Calascibetta;
  • 14 luglio 1997 – 23 gennaio 1998 – TIPH – Temporary International Presence in the City of Hebron – PALESTINA come Osservatore per conto delle Nazioni Unite;
  • 24 gennaio 1998 – 31 luglio 1998 – Stazione Carabinieri di Calascibetta;
  • 01 agosto 1998 – 8 febbraio 1999 – MSU – Multinational Specialized Unit – Sarajevo – Bosnia – Addetto alle relazioni con la Stampa e le Organizzazioni Umanitarie;
  • 27 aprile 1999 – 13 0ttobre 2003 – ITALSTAFF – Belgio – Rappresentanza Permanente d’Italia presso il la NATO – Addetto alla sicurezza;
  • 14 ottobre 2003 – 02 settembre 2017 – Nucleo Informativo presso il Comando Provinciale Carabinieri di Caltanissetta – addetto alle informazioni;
  • 03 settembre 2017 – 04 febbraio 2021 – Rappresentanza Permanente d’Italia – Ufficio dell’addetto Militare – presso l’ONU – NEW YORK, Responsabile alla sicurezza della Rappresentanza Italiana ;
  • 05 febbraio 2021 – 31 maggio 2022; Nucleo Informativo presso il Comando Provinciale Carabinieri di Caltanissetta.

Al brigadiere capo dei carabinieri Angelo També dallo staff di Radioluce gli auguri per una serena e lunga quiescenza. GAETANO MILINO

Previous BARRAFRANCA. Angelo Geraci, appuntato scelto della Guardia di Finanza, è andato in pensione.
Next ENNA. “Ripartiamo Dallo Sport”: Una domenica da ricordare nel tempo.