CATENANUOVA. La Polizia di Stato di Enna ha commemorato l’agente Giuseppe Scravaglieri.

CATENANUOVA. La Polizia di Stato di Enna ha commemorato l’agente Giuseppe Scravaglieri.

CATENANUOVA. Lo comunica la polizia di Stato di Enna in un significativo comunicato:“Nella mattinata del 13 febbraio 2021, a Catenanuova, – scrivno dalla Polizia di Stato di Enna – si è svolta la cerimonia di commemorazione dell’Agente della Polizia di Stato Giuseppe SCRAVAGLIERI, caduto in servizio a Roma il 14 febbraio 1987. Quel giorno un furgone portavalori, scortato da una pattuglia della Polizia di Stato, la Volante 47, venne assaltato vicino l’Ufficio Postale di via Prati dei Papi da parte di un gruppo di terroristi delle Brigate Rosse. Ne seguì una violenta sparatoria dove persero la vita Giuseppe, ventitreenne, originario di Catenanuova, e Rolando LANARI, di anni 26, mentre un terzo Agente rimase ferito. Giuseppe SCRAVAGLIERI entrò in Polizia nel 1982 e, dopo aver frequentato la Scuola Allievi Agenti di Trieste, prestò servizio presso la Questura di Roma. È stato insignito della Medaglia d’Oro al Valor Civile con la seguente motivazione: “In servizio di scorta ad un furgone portavalori unitamente a due colleghi, nel corso di un vile agguato terroristico veniva raggiunto da numerosi colpi di arma da fuoco esplosi dai rapinatori. Nell’occasione perdeva la vita dando luminoso esempio di attaccamento al dovere spinto fino all’estremo sacrificio”. Alla sua memoria sono dedicati il Distaccamento della Polizia Stradale di Catenanuova e una piazza sita nello stesso Comune. Il suo nome compare pure nella stele dei caduti della Polizia di Stato posta all’interno del Complesso “Giorgio Boris Giuliano” di Enna bassa. Dopo la funzione religiosa, sono stati ricordati i tratti distintiti del valoroso Agente e deposte, presso la Cappella gentilizia del cimitero, corone di fiori da parte del Capo della Polizia e dell’Amministrazione Comunale di Catenanuova. Stante l’attuale emergenza epidemiologica, sono intervenuti solamente i familiari del poliziotto, il Vice Prefetto Vicario Giuseppe Sindona, il Questore di Enna Corrado Basile, il Sindaco di Catenanuova Carmelo Giancarlo Scravaglieri e una ristretta rappresentanza delle altre Istituzioni e Forze di Polizia. “Un ricordo sempre vivo – conclude la Pçolizia di Stato di Enna – per affermare e riaffermare gli imprescindibili valori della legalità e l’attaccamento alle Istituzioni”. Il sindaco di Catenanuova Carmelo Giancarlo Scravaglieri, su facebook comune di Catenanuova scrive: “IN MEMORIA DI PINO. Stamattina (ieri sabato 13 febbraio 2021 per chi legge) presso la Chiesa San Giuseppe, si è celebrata una messa in memoria del nostro concittadino PINO SCRAVAGLIERI , agente della Polizia di Stato, ucciso barbaramente dalle Brigate Rosse assieme al collega ROLANDO LANARI, il 14 febbraio a Roma in via dei Prati dei Papi. CATENANUOVA NON DIMENTICA. “Non è stata una semplice celebrazione – scrive ancora il sindaco di Catenanuova Carmelo Giancarlo Scravaglieri – ma, come ogni anno, un momento di riflessione per riaffermare i valori della legalità, l’attaccamento alle istituzioni e ricordare tutte le vittime delle forze dell’ordine cadute nell’assolvimento del dovere. Come segno tangibile della vicinanza delle Istituzioni ai famigliari e alla Città di Catenanuova, sono intervenuti il Vice Prefetto Vicario dott. Giuseppe Sindona, il Questore dott. Corrado Basile, i rappresentanti dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Presenti i familliari di PINO, il Sindaco Carmelo Scravaglieri e gli Assessori Adele Mazzaglia e Roberta Rizzo, il Baby Sindaco Noemi Bellone, il Consiglio Comunale dei Ragazzi e la professoressa Patrizia Scravaglieri in rappresentanza della Dirigenza Scolastica del nostro Comune, i rappresentanti delle associazioni Misericordia, Fratres, Scout, Fidapa e molti cittadini”. “A conclusione della celebrazione – conclude il post del sindaco di Catenanuova Carmelo Giancarlo Scravaglieri – ci si è recati al Cimitero, presso il Monumento dove riposa PINO SCRAVAGLIERI, per deporre due corone di fiori: una inviata dal Capo della Polizia e una dall’Amministrazione Comunale. GAETANO MILINO

Previous BARRAFRANCA. Modifiche al calendario raccolta differenziata.
Next NORMA COSSETTO E LA TRAGEDIA DELLE FOIBE: SANGUE E STORIA D’ITALIA.