PIETRAPERZIA. Referendum per il taglio dei Parlamentari. Oltre il settanta per cento per il Sì e circa il 30 per cento per il No.

PIETRAPERZIA. Referendum per il taglio dei Parlamentari. Oltre il settanta per cento per il Sì e circa il 30 per cento per il No.

PIETRAPERZIA. Sono i risultati del referendum costituzionale a Pietraperzia per il taglio dei parlamentari. In particolare i SI sono stati 1.544 (il 70,66 %). Per il NO hanno votato 641 elettori (29,34 %). Gli aventi diritto al voto erano 5453. I votanti sono stati 2207 (il 40,47 %). I voti validi 2185 (99 %). I voti nulli 14 (0,63 per cento). Schede bianche 7 (0,32 %). Voti contestati 1 (0,05 per cento). I numeri analizzati dall’assessore Francesco Lalomia. Lui è pure candidato 5 Stelle a sindaco di Pietraperzia per le amministrative del 4 e 5 ottobre. “Sono molto contento. Il risultato relativo anche all’affluenza è abbastanza alto nonostante che quasi nessun partito, ad eccezione del Movimento 5 Stelle, abbia fatto appelli. Le altre liste civiche – continua Francesco Lalomia – che nascondono quasi formazioni che si elidono a vicenda, non hanno speso una parola e non hanno avuto il coraggio di schierarsi, né Sì e nemmeno No pensando che le persone – per stanchezza, perché non sapevano, perché nessuno aveva detto loro di andare a votare – restassero a casa. Non è andata così. Noi ringraziamo tutti i cittadini di Pietraperzia che si sono recati a votare. Quello che è interessante è il risultato; il 70 per cento di questi elettori ha votato per il Sì, una percentuale superiore alla media nazionale e, quindi, ci fa anche ben sperare per il prossimo risultato elettorale perché ci deve essere una comunione di intenti tra chi vota Sì e le posizioni del Movimento 5 Stelle”. “Ricordiamo – conclude Francesco Lalomia – che è stato il Movimento 5 Stelle a far sì che si svolgesse questo referendum che è stato il cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle assieme al Reddito di Cittadinanza che noi, per venire incontro alle esigenze di Pietraperzia, anticipiamo che, i soggetti titolari di Reddito di Cittadinanza, saranno al più presto chiamati al Comune per dare una mano di aiuto al Comune per lo svolgimento dei lavori necessari a Pietraperzia”. GAETANO MILINO

Previous ROMA. Giarrizzo (M5s): “Accolgo con favore la decisione della Regione di inviare l’ispettore al comune di Enna su concorsi.
Next PIETRAPERZIA. “Sempre pronto per il bene del nostro paese”.