VIDEO Il Coro Magnificat “Distanti ma all’unisono: un canto a Maria Madre di Speranza”

VIDEO Il Coro Magnificat “Distanti ma all’unisono: un canto a Maria Madre di Speranza”

Il “Coro Magnificat” di Barrafranca (En), diocesi di Piazza Armerina, ha voluto condividere, in una maniera insolita, utilizzando i nuovi strumenti di comunicazione sociale, un momento di preghiera con quanti, in questo momento di difficoltà comunitaria, vivono il bisogno di fidarsi e affidarsi a Maria.
Questa preghiera, nella forma del canto, per la Sua intercessione presso il Figlio, sia balsamo per le nostre preoccupazioni e certezza in questo frammento di storia umana.
Con Lei, accanto a Lei, siamo certi che #andratuttobene.
Il brano proposto, Madre Io Vorrei, del noto autore Pierangelo Sequeri, libera note di speranza e di fiducia, canta un dialogo con la Madre di Dio ripercorrendo il mistero della vita terrena di Cristo per poi aprirsi al ringraziamento.
“Benedetto il silenzio che risponde alle nostre domande”.

Tante le nostre voci che si uniscono e si fondono in una sola lode che sgorga dal cuore!
Si leva con la diversità di ognuno, nonostante le distanze, questo canto per la Madre di Dio.
In questo tempo, come smarriti, siamo chiamati più che mai, a guardare Maria, la Madre della speranza, a invocarla, a riscoprire la sua tenerezza materna e il suo amore per noi suoi figli!
Lei, difesa dei deboli, salute dei malati, conforto di chi spera, stella per chi la invoca! A Lei questa preghiera che per sempre sarà vita, dolcezza e speranza nostra.

Con questo canto vogliamo ricordare anzitutto i malati, coloro che sono stati colpiti da questa subdola pandemia, ringraziare e dare sostegno con questa preghiera, agli operatori sanitari e a quanti in questo momento fronteggiano lo stato di emergenza in cui tutta la popolazione si ritrova.

“La via della guarigione è una melodia essenzialmente corale che offre cassa di risonanza alle voci sole.”
(Stefania Simeoni)

#noicantiamoacasa #distantimavicini #andratuttobene #iostoacasa #coromagnificat #barrafranca

Barrafranca 16/03/2020

Claudio, Nicolò, Giuseppe, Ludovico,
Adriana, Angela, Jenny, Melania, Denise,
Adalgisa, Chiara, Letizia, Dorotea.

Previous Dal settimanale diocesano Settegiorni "La pandemie sono sempre esistite"
Next EMERGENZA CORONAVIRUS: LA POLIZIA MUNICIPALE DENUNCIA 4 PERSONE PER INOSSERVANZA DEI PROVVEDIMENTI RESTRITTIVI