PIETRAPERZIA. I vertici provinciali dell’Arma dei carabinieri alla messa in suffragio del carabiniere Gaspare Farulla.

PIETRAPERZIA. I vertici provinciali dell’Arma dei carabinieri alla messa in suffragio del carabiniere Gaspare Farulla.

- in Pietraperzia

PIETRAPERZIA. La cerimonia si è svolta davanti alla tomba dell’eroico carabiniere pietrino – Medaglia di Argento al Valore Militare – morto a Monopoli, in provincia di Bari, il primo luglio 1963 in un conflitto a fuoco con dei malviventi. La messa celebrata da don Giovanni Bongiovanni, parroco di Santa Maria di Gesù e rettore del santuario Madonna della Cava. Erano presenti la sorella Giuseppina Farulla ed i nipoti Alberto, Mariella e Giusy Emma. Presenti anche il sindaco di Pietraperzia Antonio Bevilacqua in fascia tricolore, il comandante Polizia Municipale di Pietraperzia Maggiore Giovanna Di Gregorio oltre al colonnello Saverio Lombardi e al capitano Emanuele Grio, rispettivamente comandanti del Comando Provinciale Carabinieri di Enna e della Compagnia Carabinieri di Piazza Armerina ed il maresciallo maggiore Giuseppe Geraci, comandante la stazione carabinieri di Pietraperzia. Ai lati della tomba, a fare il picchetto d’onore e in alta uniforme, il maresciallo ordinario Federico Rescio – vicecomandante la stazione carabinieri di Pietraperzia – e l’appuntato scelto Salvatore Farina. Sulla tomba di Gaspare Farulla deposta una corona offerta dal Comune di Pietraperzia. Ad inizio delle celebrazioni. si è svolta una cerimonia militare con il brigadiere capo Francesco Milazzo che ha dato lettura della motivazione del conferimento, a Gaspare Farulla, della Medaglia di Argento al Valore Militare. Poi la deposizione della corona sulle note della “Canzone del Piave” e l’onore ai caduti con “Il Silenzio Fuori Ordinanza”. Il sindaco Antonio Bevilacqua ha fatto visitare ai militari dell’Arma presenti e ai familiari di Gaspare Farulla la tomba dei combattenti e reduci di guerra. Omaggio alla tomba di Gaspare Farulla da parte della sorella Giuseppina e dal colonnello dei carabinieri Saverio Lombardi. Durante la messa, le due letture lette da Mariella e Giusy Emma, nipoti di Gaspare Farulla.  Padre Bongiovanni all’omelia ha detto: “Dobbiamo esprimere la nostra riconoscenza nei confronti di chi è al servizio di tutti noi”. “Aiuto, condivisione – ha continuato Padre Giovanni Bongiovanni – ed afflato, valori che siano mezzi di elevazione della nostra società. L’egoismo è assolutamente deleterio”. “Riconosciamo Nostro Signore nei bisognosi che, oggi, si sono moltiplicati notevolmente. Il nostro prossimo va aiutato, sollevato e redento”. E ha concluso: “Guardiamo alle nostre giornate e facciamo l’esame di coscienza con l’aiuto del Signore che non ci mancherà”. A conclusione delle celebrazioni il maresciallo Giuseppe Geraci ha letto la preghiera “Virgo Fidelis”, alla Madonna patrona dell’Arma dei carabinieri. GAETANO MILINO

You may also like

PIETRAPERZIA. Celebrata la giornata della Legalità. Quattro alberi intitolati ad altrettanti giudici uccisi dalla mafia.

La manifestazione, nella mattinata di martedì 28 maggio