Siciliani e Sicilianità- MI VOTU E MI RIVOTU, antico canto d’amore siciliano

Siciliani e Sicilianità- MI VOTU E MI RIVOTU, antico canto d’amore siciliano

- in Siciliani e Sicilianità

mi-votu-e-mi-rivotuOggi parleremo di una delle più belle canzoni d’amore della musica popolare siciliana, il canto “Mi votu e mi rivotu“. Questa canzone popolare è stata cantata da diversi artisti siciliani  e non, ma è conosciuta grazie all’interpretazione di Rosa Balistreri, cantante e cantastorie siciliana. Il canto è molto antico e l’autore, come in quasi tutti i canti popolari, è sconosciuto. Rosa Balistreri in un’intervista afferma di aver sentito cantare questa canzone per la prima volta dentro il carcere di Palermo, attribuendola così a un carcerato. In realtà il testo di questa canzone è antichissimo ed è presente in molte raccolte di canzoni siciliane. La canzone si ritrova nella raccolta che Lionardo Vigo Calanna, marchese di Gallodoro (Acireale, 25 settebre 1799 – 14 aprile 1879), poeta, filologo e politico italiano, pubblico nel 1870 con il titolo “Raccolta amplissima di canti siciliani” frutto del lavoro intenso di ricerca e raccolta di canti in vari paesi della Sicilia durato più di 20 anni, con il numero 613 a pag. 230 con il titolo “Nun dormu né riposu” della zona di Palermo. La canzone è presente nella raccolta di Giuseppe Pitrè (Palermo, 21 dicembre 1841 – 01 aprile 1916) a pag. 3 dell’appendice del vol. 2 con la partitura musicale al n° 5. mi-votu-e-mi-rivotuIl Salomone Marino Salvatore, medico e folclorista (Borgetto, Palermo, 1847 – 1916), nel libro “Canti popolari siciliani in aggiunta a quelli di Vigo” la riporta con il titolo “Nun dormu né riposu a tia pinsannu” al n° 125. La canzone è presente nella raccolta di canzoni siciliane della provincia etnea del 1882 “Eco della Sicilia” di Francesco Paolo Frontini (Catania, 6 agosto 1860 – 26 luglio 1939), musicista e compositore siciliano, con il titolo di “Canzone villereccia” con spartito allegato. Comunque la canzone è antichissima perchè, se è vero che si ritrova nei testi del 1870 del Vigo e del 1882 del Frontini, è presumibile che la canzone sia ancora più antica almeno di 100 anni, periodo impiegato perchè una canzone scritta da un autore sconosciuto, diventi canzone di tutti assumendo così i connotati di canto popolare.

Ecco il testo:

Mi votu e mi rivotu suspirannu,
passu li notti ‘nteri senza sonnu,
e li biddizzi tòi vaiu cuntimplannu,
li passu di la notti nzinu a gghiornu.
Pi tia non pozzu ora cchiu arripusari,
paci non havi chiù st’afflittu cori.
Lu sai quannu ca iu t’aju a lassari
Quannu la vita mia finisci e mori.”

Nella sua interpretazione Rosa Balistreri aggiunse una seconda strofa:

Palumma chi camini mari mari

ferma, quantu ti dicu du paroli quantu ti tiru ‘na pinna di st’ali

quantu fazzu ‘na littra a lu me amuri.

Li littri ti ‘nni mannu a tri a dui

posta ca di tia nun ‘aiu mai.

Rita Bevilacqua

You may also like

Vigili del Fuoco, Falcone: «Regione ha investito su Distaccamenti volontari»

L’assessore al congresso di Troina: «I volontari garanzia sicurezza