GIOVANNI COLLURA- Una vita spesa per la comunità

GIOVANNI COLLURA- Una vita spesa per la comunità


famiglia di Giovanni ColluraIl 18 ottobre del 1951 nasceva a Barrafranca (EN) il compianto cavaliere GIOVANNI COLLURA, ex carabiniere, vigile urbano in pensione, membro dell’Associazione Nazionale Carabinieri-sez. di Barrafranca, Cavaliere al merito della Repubblica Italiana. Giovanni ha lavorato per quasi 40 anni al servizio della Comunità e per la  famiglia, amava la moglie e le figlie, i nipotini  ed aveva una grande stima per i suoi generi, Salvatore e Francesco. Oggi ne vogliamo ricordare la figura, attraverso le parole dell’orazione funebre che il Maresciallo Vincenzo Pace pronunciò durante la celebrazione funebre.

[dropcaps]G[/dropcaps]iovanni Collura nasce a Barrafranca il 18 ottobre del 1951 da Onofrio e da Giovanna Scalia.

All’ età di 17 anni, con assenso dei genitori, entra nell’Arma dei Carabinieri dove frequenta la scuola allievi a Chieti  per essere poi inviato al 13^ Btg di Gorizia dove rimane per ben 5 anni, Successivamente viene trasferito alla legione di Catanzaro ove, nel 1976 ,decide di andare in congedo. Nel Maggio  del 1977, per le triste difficoltà sociali contro le Brigate Rosse,  viene richiamato in servizio e inviato prima a Piazza Armerina e poi alla stazione di Barrafranca. Nel mese di dicembre del 1977,  vincitore di concorso per Vigile Urbanogiovanni-collura-gruppolascia l’Arma dei Carabinieri venendo assunto dal comune di Barrafranca. All’interno dell’Ente Comune, per i suoi meriti, viene nominato Ufficiale della Polizia Municipale. Da solo riusciva a gestire il mercato settimanale. Nel 2001, per motivi di salute, viene mandato a istituire e dirigere l’ufficio URP fino al 2007, anno in cui per motivi di salute, viene collocato  in quiescenza. Giovanni non dimentica mai l’Arma dei Carabinieri e poiché a Barrafranca non vi era la Sezione dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri, si iscrive a quella di Enna.

Nell’anno 1988, collaborato dal Maresciallo Pace (Comandante della stazione) e dal Maresciallo Giuseppe D’AURIA, Giovanni costituisce l’Associazione Nazionale Carabinieri di Barrafranca ove, per oltre quattro mandati quinquennali,  viene eletto Presidente e, successivamente Coordinatore Provinciale. Molteplici le attività che ha promosso e realizzato nell’ambito del territorio nazionale e internazionale negli anni della Sua Presidenza all’Associazione Nazionale Carabinieri.

4-novembre-2014Quasi tutte le celebrazioni del 4° Novembre sono state organizzate da Giovanni.  In qualcune ha fatto intervenire la fanfara della Brigata Julia  e la fanfara della Brigata Tridentina, che si trovavano in Sicilia impiegate nelle operazioni dei Vespri siciliani.

Ha offerto alla città di Barrafranca due concerti con l’Intervento della Fanfara del BTG “Sicilia” di Palermo.

Nel novembre del 1994 fa realizzare, in Piazza Pier Santi Mattarella,  un “cippo” in onore  dei caduti civili morti durante il bombardamento del 10 e del 18 Luglio 1943. In quell’occasione venne a Barrafranca l’attuale Presidente della Repubblica.

Nel  novembre 1996 viene  realizzato e inaugurato presso la Stazione CC di Barrafranca un busto in onore del Gen. Dalla Chiesa.  

Nel  maggio 1998 unitamente al Maresciallo Gambacorta si è prodigato per l’istituzione di un gruppo ANC che per diversi anni  ha svolto attività di volontariato.

Nel 2000  all’interno del Parco Comunale viene inaugurata una “stele” in onore dei Caduti dell’Arma.

Nel maggio 2001 organizza con la collaborazione della Sezione di Piazza Armerina, un gemellaggio con l’Associazione Carabinieri di Toronto (Canada), i cui rappresentanti erano stati ospiti nella Sezione di Barrafranca. Infatti nel mese di Giugno, in occasione della Festa dell’Arma, Giovanni ed altri rappresentanti della Sezione di Barrafranca e quelli di Piazza Armerina si  recano a Toronto per suggellare il gemellaggio nella loro sede.

L’Amore per l’Arma e per il proprio paese spinge in Giovanni l’idea di un progetto unico nel suo genere nella provincia di Enna… un qualcosa che possa trasmettere ideali e riaffiorare negli animi l’amor di Patria… un museo!  Infatti Il 27 Novembre 2004 nasce il Museo Bellico “Belli Instrumentum” dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Barrafranca. Museo storico di armi e cimeli d’epoca voluto da Giovanni e dal maresciallo Giuseppe D’AURIA. Questi decidono di recuperare, restaurare e porre all’attenzione di un vasto pubblico il materiale reperito di cui via via entrano in possesso. 23-maggio-2013medaglia-bronzo-barrafranca

Nel maggio 2013,  in occasione della consegna al Comune di Barrafranca della medaglia di Bronzo al valore civile per i bombardamenti del luglio 1943, su sua iniziativa viene eretto un “cippo” ai caduti del 2° conflitto mondiale, da tutti dimenticati.

E’ di Giovanni l’iniziativa per l’intitolazione della locale Stazione dei Carabinieri alla M.O.V.C. Michele Fiore, avvenuta nel giugno del 2013,

Giovanni, iniziando un percorso di fede, già arricchito spiritualmente, nell’Azione Cattolica di cui faceva parte nella Chiesa Madonna delle Grazie, entra nella confraternita del Santissimo Crocifisso, partecipando all’ultima processione del venerdì Santo.

Per i suoi meriti, il Presidente della Repubblica  gli ha conferito l’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

Muore, dopo una lunga malattia, il  13  luglio 2016.

Il suo profilo ancora aperto su facebook

Rita Bevilacqua


 

You may also like

MAZZARINO: l’arch. Alfonso Salvatore Alessi partecipa alla mostra collettiva “L’arte rompe le maglie della quotidianità unendo il divino con il terreno”

Il pittore mazzarinese arch. Alfonso Salvatore Alessi partecipa