Unimpresa incontra le aziende per parlare di finanziamenti europei in agricoltura

Unimpresa incontra le aziende per parlare di finanziamenti europei in agricoltura

Pomeriggio nella sala di Mons. Cravotta di piazza Fratelli Messina

Oggi rappresentanti di Unimpresa a Barrafranca nel convegno “Fai crescere la tua impresa con i finanziamenti agevolati PSR 2014-2020 Mise” per offrire un supporto agli agricoltori e dare la possibilità di utilizzare i finanziamenti europei. L’incontro si svolge alle ore 17 nella sala conferenze “Mons. Cravotta”. A relazionare saranno Bartolomeo Pazienza (Psr), Simone Libro (Mise), Salvatore Puglisi (finanziamenti agevolati alle PMI) e poi Carlo Garofalo. Abbiamo posto alcune domande a Salvatore Puglisi referente di Unimpresa. Qual è l’obiettivo dell’Associazione Unimpresa? L’Associazione interprovinciale Unimpresa ha come obiettivo fondamentale quello di incentivare lo sviluppo del territorio, attraverso la predisposizione di una serie di servizi volti a dare un aiuto concreto alle imprese già presenti e offrire un supporto costante per chi, pur avendo un’idea imprenditoriale non possiede gli strumenti necessari per tradurre l’idea in attività. La “mission” dell’Associazione Unimpresa, è quella di affiancare e sostenere le micro, piccole e medie imprese, nonché guidare l’imprenditoria verso un cambiamento dettato dall’evolversi della società, grazie alla predisposizione di un team di professionisti. Come aiutare le aziende e quindi gli agricoltori del territorio? Unimpresa fornisce consulenza per l’utilizzo degli strumenti presenti a livello nazionale ed europeo che possono essere sfruttati al meglio affinché si possa favorire la crescita delle PMI. Di questi strumenti fanno parte: i finanziamenti che è possibile ottenere a tasso agevolato tramite la CRIAS, l’Artigiancassa e i Consorzi fidi. Inoltre, la consulenza viene fornita per riuscire ad utilizzare al meglio i fondi comunitari che in passato, sistematicamente, abbiamo perso. E’ un momento di crisi per le aziende agricole? In un momento di crisi l’unica possibilità per superare tale “impasse” è fare sinergia, attraverso i contratti di rete, in modo tale da essere più competitivi sui mercati nazionali ed europei e ripartire i costi migliorando la capacità contrattuale. Oltre ai contratti di rete occorrerebbe sfruttare al meglio le potenzialità che il nostro territorio ci offre; per fare ciò è necessario partire da un’analisi della realtà che ci circonda. Uno dei settori su cui puntare, è sicuramente l’agricoltura, nonché la trasformazione e commercializzazione dei nostri prodotti agricoli. Barrafranca è uno dei territori più attivi nel settore agricolo. Come incentivare il settore? Siamo convinti che lo sviluppo del nostro territorio e principalmente del territorio di Barrafranca, su agricoltura, artigianato e PMI possa svilupparsi se si riesce tutti insieme a lavorare su progetti concreti e fattibili, in quanto questi possono dare occupazione ai nostri giovani onde evitare lo spopolamento del nostro territorio. Sicuramente, per una non attenta politica della Regione Siciliana, siamo 2 anni di ritardo per quanto riguarda i finanziamenti europei 2014-2020; si spera che in questi mesi escano i bandi. Inoltre, il Ministero dell’economia e dello sviluppo ha messo a disposizione dei giovani, finanziamenti volti all’acquisto di nuovi terreni, per il ricambio generazionale nell’agricoltura e per l’avvio di nuove imprese.

Previous Presentato il volume di don Luca Crapanzano su Sturzo "ll coraggio del dialogo"
Next Branco di cani lungo Viale Generale Cannada