I giocatori sono presenti ma manca la palla. Non disputata la gara allievi regionale di calcio a 5

I giocatori sono presenti ma manca la palla. Non disputata la gara allievi regionale di calcio a 5

Succede a Caltanissetta tra la formazione locale e gli avversari dell'Armerina

Quello che è successo ha dell’incredibile. Sabato si sarebbe dovuto giocare una gara di caratura regionale al Palamilan di Catanissetta tra la CL Calcio e la formazione ennese Armerina. A dover disputare la gara 2 organizzata dalla Figc era le due società vincenti dei campionato provinciali di Caltanissetta ed Enna, valida per i quarti di finale regionali della categoria Allievi di calcio a 5. Ma purtroppo l’attore “principale” sul rettangolo di gioco non c’era. La squadra di casa, infatti, si è presentato con un pallone di calcio ad 11, il cui controllo sul parquet diventa difficilissimo, ben diverso dal pallone di calcio a 5 con rimbalzo controllato. L’arbitro della sezione di Agrigento non ha consentito l’uso del pallone e la squadra di casa, stranamente non avrebbe trovato una soluzione. Al contrario i dirigenti dell’Armerina, non potendo acquistare un pallone visto l’ora, si sono prodigati telefonando alle società nissene. Il professore Giuseppe Diana, delegato provinciale ennese di Calcio a 5, al seguito della squadra Armerina, ha contattato direttamente il presidente della Figc di di Caltanissetta, il prof. Giuseppe Anzaldi, il quale si è subito messo a disposizione. Nel giro di pochi minuti ha comunicato che la Sancataldese li avrebbe dati in prestito ma si doveva andare al Palasport di San Cataldo. A quel punto due dirigenti dell’Armerina, Ismaele Palumeri e Silvio Di Martino, sono saliti in macchina alla volta di San Cataldo.  ” Purtroppo – afferma Giuseppe Diana – i dirigenti dell’Armerina, non hanno fatto in tempo, in quanto l’arbitro attesi i 30 minuti del regolamento ha dichiarato la fine dell’incontro”. La partita, quindi, non è stata disputata ma vinta a tavolino dalla squadra ospite. Certamente una pagina poco felice per il mondo calcistico generale e per quello nisseno in particolare. Quanto successo sabato ha finito per danneggiare l’Armerina. La squadra ennese mercoledì prossimo contro il Campobello di Licata, quale vincente della provincia di Agrigento, per passare il turno avrà a disposizione soltanto la vittoria, mentre gli agrigentini, grazie ad una migliore differenza reti, potrà bastare anche il pareggio per accedere alle finali regionali.
ARCANGELO SANTAMARIA

Previous Prima Categoria, girone H. Barrese perde 3-0 a Mussomeli ma è ancora viva la corsa ai play off
Next Incontro rinviato a Palermo per la situazione consorzio di Bonifica e inizio stagione irrigua