Pietraperzia, reddito minimo, operai licenziati in attesa del decreto

Pietraperzia, reddito minimo, operai licenziati in attesa del decreto




PIETRAPERZIA. Dal primo gennaio i venti operai del RMI (Reddito Minimo di inserimento) sono stati licenziati. Aspettano il decreto regionale per essere riammessi al lavoro. Responsabile del RMI è l’assessore Laura Corvo. Nonostante la storta alla caviglia entro il 31 gennaio personalmente è andata a consegnare all’assessorato regionale al lavoro la richiesta del finanziamento dei quattro cantieri di lavoro. I venti operai che hanno perduto il lavoro sono: I venti lavoratori che si trovano licenziati al primo gennaio sono: Filippina Stella, Rosaria Mancuso, Loredana Di Natale, Giuseppe Di Lavore, Vincenzo Di Lavore, Calogero Salamone, Salvatore Ippolito,  Nunzia Incaudo, Silvana Spampinato, Filippa Spampinato, Giuseppe Di Lorenzo, Giuseppe Russo, Rosa Cutaia, Antonino Montedoro, Margherita Alfieri, Santo Calandra, Vincenzo Aiello,  Vincenzo Spampinato, Giovanni Battista Margani e Giuseppe Vitale. L’assessore Laura Corvo dichiara: “Stiamo facendo salti mortali per far scendere i venti operai al lavoro. Il sindaco Antonio Bevilacqua  e l’amministrazione comunale ha anticipato quattro mesi ed ancora non abbiamo ricevuto l’accreditamento”. “Noi abbiamo dato grande priorità – dichiara il sindaco Antonio Bevilacqua – agli operai del RMI; abbiamo messi in secondo ordini crediti di privato verso il comune; noi teniamo in grande attenzione la situazione dei venti operai, che quando sono in attività sono attivi e preziosi”.. Gli operai del RMI di inserimento ancora avanzarono quattro mesi e venti giorni; abbiamo chiesto all’impiegato che cura il RMI per avere notizie, ma ci ha messo alla porta, con voce irritata.Certamente il sindaco Antonio Bevilacqua è grande moderatore e pianificazione certe situazioni stridenti.La situazione nelle famiglie del RMI  è tragica perché non riescono ad avere crediti nei negozi di genere  alimentare. Quello del RMI è un problema che va risolta in maniera più dinamica. I quattro cantieri di servizio dall’assessore Laura Corvo sono stati declinati nelle seguenti attività: servizio di custodia villa comunale, vigilanza e segnalazione; servizio di custodia degli uffici comunali; supporto alle manifestazioni organizzate dall’ amministrazione; servizio di manutenzione viaria urbana; servizio di manutenzione, pulizia e bonifica delle aree a verde pubblico; servizio di manutenzione degli edifici comunali; servizio di manutenzione degli edifici comunali: impianti sportivi.

Giuseppe Carà




Previous La Barrese perde con la capolista Geraci, una rete subita all'ultimo secondo del fischio finale
Next Progetto “ Accoglienza e Orientamento” presso la scuola DON MILANI di Barrafranca