Materiale di cancelleria rubati e trovati nella sua abitazione: denunciato un valguarnerese

Materiale di cancelleria rubati e trovati nella sua abitazione: denunciato un valguarnerese

Notato accanto a numerosi scatoloni, contenenti materiale di cancelleria, nei pressi della sua abitazione, senza dare contezza del possesso della medesima merce. Subito dopo è stata effettuata la perquisizione presso la sua abitazione e si rinvenivano centinaia di colli di merce rubata.  Un valguarnerese è stato denunciato dalla polizia derivanti dal servizio di controllo del territorio. Nella serata di martedì nell’ambito dell’implementazione dei servizi di controllo del territorio e di  contrasto alla criminalità diffusa, disposti dal questore della Provincia di Enna, dott. Ferdinando Guarino, gli uomini della Squadra Mobile di Enna, 3^ Sezione reati contro il patrimonio, diretti dal Vice Questore Aggiunto dott. Gabriele Presti e coordinati dal Commissario Capo dott. Alessandro Scardina, con la collaborazione dei colleghi del Commissariato di P.S. di Canicattì, hanno denunciato in stato di libertà un uomo, tale P.A.S, classe 1975, di Valguarnera, per il reato di  ricettazione, poiché trovato in possesso di circa 200 scatoloni contenenti merce di cancelleria, provento di furto perpetrato ai danni del capannone di un’azienda sita nella c.da Dittaino, alcuni giorni prima. 

I FATTI

 In particolare, nella notte scorsa, gli uomini della Squadra Mobile Erea – nel corso di predisposti controlli di prevenzione nell’area del Dittaino, finalizzati al contrasto dei reati contro il patrimonio – notavano all’interno di un’area adiacente alla strada percorsa – una pluralità di scatoloni accatastati prossimi all’uscio di una abitazione ivi sedente, come se fossero sistemati per essere caricati a bordo di qualche mezzo. I poliziotti, insospettiti dalla scena, accedevano all’interno dell’area, ed effettuavano i dovuti  controlli. Nel corso del controllo, si richiedevano al proprietario dell’abitazione informazioni circa la provenienza della merce ma lo stesso, al riguardo, non forniva alcuna plausibile spiegazione in ordine al legittimo possesso della merce. I poliziotti, pertanto, effettuavano una perquisizione all’interno dell’abitazione rinvenendo  nella camera da letto numerosi colli, tutti riportanti la dicitura di una ditta, della medesima specie di quelli rinvenuti all’esterno della casa. Proprio la ditta a cui era riferibile la merce, alcuni giorni addietro aveva subito un furto nei giorni precedenti.  Parte del provento di quel furto era stato recuperato grazie all’operato dei colleghi del Commissariato di P.S. di Canicattì. Gli agenti, pertanto, contattavano il titolare della ditta che sopraggiungeva, riconoscendo la corrispondenza tra la merce sottratta e quella rinvenuta dai poliziotti ennesi. Gli investigatori ennesi, pertanto, denunciavano il valguarnerese per il reato di ricettazione di materiale di cancelleria, deferendolo all’Autorità Giudiziaria procedente, la Procura della Repubblica di Enna.

Previous Gli alunni delle scuole medie “Don Milani” e “G. Verga” hanno partecipato all’evento LIBRIAMOCI. LETTURE AD ALTA VOCE
Next Il campo del germoplasma di Zagaria un libro aperto per gli studenti degli istituti agrari di Barrafranca e Aidone