Il campo del germoplasma di Zagaria un libro aperto per gli studenti degli istituti agrari di Barrafranca e Aidone

Il campo del germoplasma di Zagaria un libro aperto per gli studenti degli istituti agrari di Barrafranca e Aidone

A seguito della fattiva collaborazione intrapresa in quest’ultimi tempi, tra il mondo della scuola da una parte, in particolare degli Istituti Agrari (IPSASR) di Barrafranca ed Aidone la ex Provincia Regionale dall’altra, si è svolta al campo  di germoplasma dell’Ulivo di Zagaria una giornata didattico formativa. A tenere la lezione il responsabile del servizio Agricoltura dell’Ente Andrea Scoto, che segue fin dalla nascita il campo e ne sovrintende tutte le sue evoluzioni. Gli studenti dei due Istituti Agrari, accompagnati dai loro docenti, Salvatore Sorce, Michelangelo Cammarata, Adriana Giglio, Salvatore Capra, Gaetano Grasso e  Lorenzo Misuracca Lorenzo, hanno sicuramente potuto ammirare un luogo di raro fascino, oltre che di straordinario valore ambientale. Andrea Scoto ha così spiegato ai ragazzi l’importanza del sito, che raccoglie oltre che varietà ed ecotipi provenienti da tutto il territorio siciliano, anche varietà ed ecotipi provenienti da tutte le regioni olivicole d’Italia, nonché ecotipi più rappresentativi provenienti dalle aree olivetate del pianeta. Ha anche evidenziato la presenza nel campo di Zagaria di una ricca variabilità riconducibile al patrimonio olivicolo siciliano  che unitamente alle numerose accessioni italiane e straniere ha consentito di poter comparare e raffrontare le caratteristiche di questi genotipi, sottoposti alle stesse condizioni di coltivazione. Per questo motivo il campo di Zagaria, oltre che essere una delle collezioni di germoplasma di olivo più rappresentativa a livello nazionale ed internazionale, si candida in un prossimo futuro, a diventare un laboratorio a cielo aperto che racchiude la più vasta biodiversità legata all’ulivo, aperto alle ricerche e perché no, anche a questi studenti degli Istituti Professionali Agrari, dove poter approfondire gli studi in questo settore, quello dell’olivicoltura,appunto, diventato strategico per la realtà economica del territorio. L’attività formativa e scientifica intrapresa con le due scuole ha un valore didattico fondamentale per consentire agli studenti di incrementare il loro bagaglio culturale, in questo comparto fondamentale per l’economia agricola dell’entroterra collinare siciliano. E’ intendimento della scuola formalizzare un rapporto di collaborazione con l’Ente per programmare in futuro attività formative per fornire ai giovani occasioni di specializzazioni nel settore.

Previous Materiale di cancelleria rubati e trovati nella sua abitazione: denunciato un valguarnerese
Next NATALE tra FIABA e REALTA’, a cura del Gruppo Spettacolo Arcobaleno