Il giovane Osvaldo William Brugnone parroco alla Madonna delle Grazie

Il giovane Osvaldo William Brugnone parroco alla Madonna delle Grazie

PIETRAPERZIA. Osvaldo William Brugnone nominato parroco alla Madonna delle Grazie. Ne ha dato comunicazione il vescovo Rosario Gisana domenicascorsa a conclusione di un solenne pontificale a celebrazione della festa della Madonna del Rosario. Don Osvaldo fu ordinato sacerdote il 14 maggio 2011 nella chiesa madre di Barrafranca dal vescovo Michele Pennisi e destinato collaboratore alla parrocchia chiesa madre di Pietraperzia. Attualmente è il vicario foraneo del paese ed i sacerdoti della sua vicaria sono Giovanni Bongiovanni, Giuseppe Carà, Giovanni Messina e Giuseppe Rabita. Il clero locale gli ha affidato la responsabilità della consulta giovanile cittadine che con Brugnone ha avuto un dinamismo apostolico. «Il presbiteriato – afferma Don Osvaldo – è un dono che Dio mi fa attraverso la Chiesa. Non sono presbitero per me stesso, ma per la Chiesa tutta. In questi anni di formazione ho potuto sperimentare la fedeltà di Dio, che mi ha chiamato non secondo i miei meriti, ma secondo un disegno di salvezza».
“Per quanto riguarda l’esperienza pastorale che sta vivendo a Pietraperzia – afferma il parroco Giuseppe Rabita – ha avuto modo di conoscere una nuova realtà parrocchiale anche attraverso le esperienze che ha fatto. Per quattro anni ha fatto il viceparroco ed ha dato prova di grande capacità pastorali».
Osvaldo William Brugnone è nato a Piazza Armerina il 4settembre 1985; i suoi genitori Giuseppe e Antonietta sono di Barrafranca e ha un fratello e una sorella sposata. Entrò in seminario vescovile maggiore il 27settembre2004 ed il 30ottobre 2010 è stato ordinato diacono. Ha consegUito pressola facoltà teologica di Sicilia “San Giovanni Evangelista” il Baccellierato in Sacra Teologia ed attualmente sta frequentando la facoltà di Psicologia alla Kore di Enna.
Pino carà



Previous Promossa la donazione degli organi nei comuni ennesi durante la giornata nazionale
Next A Palermo per i tagli al Chiello, nell’occhio del ciclone politico il piano aziendale dell’Asp