Giovani barresi del “Movimento Ho Sete” nella mensa dei poveri a Roma per servire gli indigenti

Giovani barresi del “Movimento Ho Sete” nella mensa dei poveri a Roma per servire gli indigenti

Quattordici giovani barresi hanno partecipato a Roma al convegno nazionale del “Movimento Ho sete” con tanti momenti di preghiera e servizio di apostolato verso la mensa dei poveri. Incontri, preghiere, e servizio/apostolato a Roma per i quattordici giovani del Movimento, guidati dai barresi Rosario Caputo ed Angelo Sessa, ospiti nella struttura dei Padri Missionari della Carità, dell’ordine fondato dalla beata Maria Teresa di Calcutta. A partecipare all’incontro delegazioni italiane da Milano, Calabria, Roma e Sicilia. La comunità barrese del “Movimento Ho Sete – Giovani” in Sicilia è la più numerosa di tutte le regioni italiane anche se nel 2014 il movimento era formato da soli 4 membri. L’incontro nazionale è stato guidato e animato da padre Peter Kucac, responsabile inernazionale del movimento. “ Ogni giorno i giovani – afferma il responsabile del movimento Ho Sete, Roberto Caputo – hanno partecipato alla messa, all’adorazione e alla preghiera comune. Hanno condiviso con padre Peter Kucac,  un ritiro spirituale nella casa fondata da Madre Teresa. Questa casa è la prima fondazione in Europa e li si trova la sua stanza dove riposava quando era ancora in vita”. Tre le tematiche trattate durante la permanenza a Roma: “ Io sazio…nel modo in cui prego”, “ …nel modo in cui faccio il servizio”, “…evangelizzando dall’interno della mia vocazione”. Tra le varie attività alcuni giovani una sera si sono diretti per il centro di Roma, nella chiesetta di Santa Barbara, a fare adorazione e andando per i vicoli distribuendo coroncine del Santo Rosario e diffondendo il messaggio evangelico “Ho sete di te”. Altri giorni i ragazzi hanno fatto servizio alla mensa delle suore di Madre Teresa, “Dono di Maria” che fa parte del Vaticano, fuori il colonnato. I giovani durante questa esperienza hanno preparato la cena in cucina assieme alle suore e hanno servito i 50 ospiti poveri che si presentavano ogni sera. Emozionante l’incontro con Papa Francesco, durante il mercoledì dell’udienza Generale. “Il messaggio di questa esperienza a Roma – afferma Rosario Caputo – è secondo la parola della Beata Madre Teresa: “ Non importa quello che facciamo, però lo facciamo con amore”. I membri del movimento “Ho Sete” sono chiamati ad avere un incontro con Gesù risorto, vivo e presente negli altri, e specialmente in chi ha più bisogno spiritualmente e materialmente”.Ecco i nomi dei giovani a Roma i quali sono stati coordinati: Alessio La Pusata, Giovanni Bavilacqua, Andrea Torre, Simone La Pusata, Isabella Bevilacqua, Elison Flammà, Giovanni Bevilacqua, Dennis La Pusata, Giuseppe Nicoletti, Luciano La Pusata, Angelo Marotta, Sergio Sessa, Giuseppe Cucchiara e Alessio Tummino.

Previous Emergenza rifiuti a Barrafranca. Operatori ecologici senza autocompattatori per la raccolta
Next Tre classi della scuola primaria “Don Bosco” in visita alla mostra BAMBINI NELLA GUERRA.