Emergenza rifiuti a Barrafranca. Operatori ecologici senza autocompattatori per la raccolta

Emergenza rifiuti a Barrafranca. Operatori ecologici senza autocompattatori per la raccolta

Ci vorrebbero almeno cinque auto compattatori per togliere centinaia di metri di rifiuti accatastati lungo la strada che costeggia il Belvedere di viale Signore Ritrovato.
Che il sistema rifiuti si trova in un totale stato confusionario e difficoltà con l’Ato Rifiuti non è da adesso ma che gli operatori non hanno i mezzi per la raccolta di questi giorni vuol dire che siamo arrivati ad una situazione inaccettabile. Ci siamo recati ieri nel centro raccolta di contrada Albana per verificare come mai la raccolta non avviene regolarmente ma quello che riusciamo a sapere è che mancano i mezzi per la raccolta. Proprio in precedenza una ditta privata di Catenanuova è venuta a prelevare alcuni mezzi affittati dal comune barrese. E i pochi mezzi a disposizione non avrebbero la possibilità di camminare per mancanza di gasolio. Agli operatori ecologici non sono state pagate tre mensilità. La protesta per il maleodore che si respira vicino al centro urbano non si ravvisa solo in contrada sottoserra ma anche nella zona del parcheggio del cimitero (a lato della SS 191).  “ Ho scattato una foto – afferma il barrese Antonino Aleo – e l’ho inviata al sindaco. Non è possibile che paghiamo le tasse e il “servizio” per noi diventa un disservizio. Svegliatevi amministratori. La gente civile è stanca di vedere il proprio paese ridotto ad un letamaio”. Nel centro urbano sono pochi i bidoni dell’immondizia e quindi è naturale che i cittadini devono accostare l’immondizia accanto evidenziando una fila interminabile. Oltre contrada sottoserra anche in altri tre luoghi del paese i rifiuti sono veramente diventate montagne. L’emergenza c’è e si vede. E nel frattempo si dovrebbe vigilare che qualcuno, come è capitato dia fuoco proprio ai rifiuti. Nell’agosto scorso proprio sotto il Belvedere si scatenò una nube tossica e furono chiamati anche i vigili del fuoco. Neanche il sistema di <<porta a porta>> per la differenziata umido e plastica funziona e tanti sono i cittadini che elevano la protesta. All’emergenza mezzi c’è anche un auto compattatore nel centro di contrada Albana dove manca una batteria. Ieri un cittadino barrese per protesta ha portato una busta di immondizia al comune per manifestare il proprio dissenso alla mancata raccolta rifiuti. L’amministrazione del sindaco Lupo sta lavorando all’emergenza tanto che in precedenza ha dato l’avvio alla procedura della gara per la raccolta rifiuti ma il problema rimane sul trasferimento o meno dei lavoratori dall’Ato alla società appaltante.

Previous Immondizia davanti al comune, singolare protesta di un cittadino di Barrafranca
Next Giovani barresi del "Movimento Ho Sete" nella mensa dei poveri a Roma per servire gli indigenti