GENESI. La Dea di Morgantina Ricordando Fabrizio e presentazione del libro Emilio Sarli, LA DEA DI MORGANTINA – Il ritorno della madre terra.

11209676_508934329265339_6824501684814113359_nDomenica 20 settembre 2015 si terrà a Pietraperzia (EN) alle ore 19.00, presso il Chiostro Santa Maria di Gesù, la proiezione del Docu-film di Fabrizio Lunetta, GENESI e presentazione del libro di Emilio Sarli, LA DEA DI MORGANTINA – Il ritorno della madre terra, edito da Bonfirraro Editore. L’evento è organizzato dall’Archeoclub d’Italia Sede di Pietraperzia e di Aidone-Morgantina e da Bonfirraro Editore.

GENESI  è un documentario del giovane regista, scomparso prematuramente, Fabrizio Lunetta, realizzato nel 2011, che racconta,  attraverso immagini, voci e suoni, la coincidenza dell’arrivo della statua della Dea di Morgantina al Museo Regionale di Aidone il 19 marzo 2011, in coincidenza con importanti e significativi fenomeni astronomici. Il filmato descrive la statua greca, racconta le simbologie legate al mito di Demetra, soffermandosi sul concetto di metamorfosi, cioè l’aspetto dinamico della realtà colta nel suo divenire. Realizzato con la collaborazione-consulenza dell’archeologa Serena Raffiotta.

LA DEA DI MORGANTINA – Il ritorno della madre terra, di Emilio Sarli, edito da Bonfirraro Editore nel 2015 “è narrazione di un nóstos singolare, del ritorno a casa della dea di Morgantina, di una mitica gemma sganciata dal castone di terra, costretta in mani furtive, peregrina per le botteghe d’oltralpe, esposta oltreoceano per il piacere degli occhi. Ora, dopo aver vagato per il mondo come Demetra a ritrovar la sua Kore, accende il cuore di Sicilia e lo sguardo impenetrabile e la prorompente bellezza delle sue forme seducono i mortali che scalano le creste degli Erei. Attraverso il percorso introspettivo del protagonista Alfeo Rosso, si districa la vicenda della dea di pietra, che sprofonda nel mito che spiega l’archè dell’universo, raggiunge l’età del bronzo e del ferro, si colora di poesia nei versi di Omero e Ovidio, diviene storia e sbarca il lettore nell’epopea di Ducezio e del sogno d’indipendenza dei siculi, delle guerre del Peloponneso e delle battaglie puniche”.

SIETE TUTTI INVITATI!

Previous L'associazione ennese "Fuori dal Coro": " C'è bisogno che Floristella risorga mentre le amministrazioni comunali rimangono silenti".
Next Chiusura prefettura di Enna. Regalbuto: " E' l'ennesima mortificazione del territorio grazie a Pd ed Ncd"